Me
Bernard e Maria, per tutti padre e figlia tedeschi, ma in realtà lui l’aveva rapita e ne aveva fatto la sua amante
Condividi su:
padre figlia amanti rapita sicilia
Maria Henselmann e Bernhard Manfred Haase, da cinque anni nascosti a Licata, ma lui l'aveva rapita quando aveva 13 anni

Bernard e Maria, per tutti padre e figlia tedeschi, ma in realtà lui l’aveva rapita e ne aveva fatto la sua amante

Dopo cinque anni, Maria è riuscita a liberarsi dalla paura e a contattare i suoi genitori in Germania

28 Set. 2018
padre figlia amanti rapita sicilia
Maria Henselmann e Bernhard Manfred Haase, da cinque anni nascosti a Licata, ma lui l'aveva rapita quando aveva 13 anni

Si erano presentati come padre e figlia, ma in realtà erano amanti e lui l’aveva rapita e portata dalla Germania alla Sicilia.

Bernard e Maria, padre e figlia, 57 anni lui, 18 lei, da cinque anni abitavano a Licata, in provincia di Agrigento. Sono arrivati in Sicilia dalla Germania nel 2013 e da allora, accolti dalla comunità, avevano vissuto grazie alla beneficenza dei cittadini.

Non avevano mai chiesto un euro, si erano arrangiati con lavoretti saltuari e si erano mostrati sempre grati nei confronti di chi li aiutava. I due vivevano in un appartamento nel centro storico della cittadina siciliana. Lui si impegnava a portare a casa qualche soldo facendo il muratore o il tecnico di caldaie.

Quel che è certo è che Bernard e Maria avessero stretto un buon rapporto con i vicini e con tutti quelli che li conoscevano a Licata e la scoperta fatta dal programma di Rai Tre Chi l’ha visto? ha scioccato la cittadina intera.

Federica Sciarelli racconta una verità molto lontana da quella che gli abitanti di Licata conoscevano su quei due tedeschi arrivati cinque anni prima in città e bisognosi d’aiuto.

Per tutti Bernard e Maria erano padre e figlia, una famiglia sfortunata economicamente come ce ne sono tante. In realtà l’uomo era un pedofilo: in Germania Bernard aveva circuito Maria, l’aveva tolta dalla sua famiglia naturale e l’aveva rapita.

Aveva 13 anni Maria quando era finita nelle attenzioni dell’uomo tramite una chat. La ragazza si era invaghita di Bernard e aveva deciso di andare via di casa con lui. La famiglia aveva denunciato la scomparsa della 13enne e del caso si era occupato anche Chi l’ha visto?.

In Germania, Bernard era stato già denunciato dalla polizia tedesca: Maria, minorenne, non poteva stare con lui. A quel punto il paese aveva disposto un un mandato di cattura internazionale: le accuse nei confronti dell’uomo erano quelle di rapimento e violenza sessuale.

Poi dei due si erano perse le tracce. Nessun avvistamento negli ultimi anni, il che aveva fatto propendere gli inquirenti e i familiari di Maria a pensare al peggio.

Poi, però, Maria Henselmann all’improvviso è riapparsa, scrivendo alla famiglia di voler tornare a casa, via Facebook. La sera del 30 agosto scorso gli amici del padre sono andata a prenderla a Milano.

“Era più facile andare avanti così che ritornare. Non sapevo come avrei potuto fare e avevo una paura tremenda”, ha raccontato la ragazza, oggi 18enne. “Ho evitato di andare su internet per tutto il tempo per paura che la polizia mi trovasse”, ma quando lo ha fatto ha visto “quanto mi aveva cercato la mia famiglia e non sono più riuscita a sopportare i sensi di colpa”.

I cittadini di Licata ascoltati dai giornalisti di Chi l’ha visto? si sono detti sconvolti. “Nessuno immaginava che Bernard potesse aver rapito Maria. Lei non ha mai chiesto aiuto, pensavamo tutti che fossero padre e figlia”.

Qualcuno davanti alle telecamere ammette: “Se avessi saputo sarei andata dalla polizia”. Qulalcuno si chiede come sia stato possibile che per cinque anni, con un mandato di cattura internazionale e delle foto segnaletiche, la polizia non si sia accorta di loro: “La polizia aveva le foto e un mandato di cattura internazionale. Loro giravano tranquillamente in città, perché non l’hanno fermato?”.

Maria è tornata dai suoi familiari in Germania, Bernhard Manfred Haase è stato finalmente arrestato.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus