Me
Marco Bocci racconta la malattia: “Un herpes dalle labbra è arrivato al cervello”
Condividi su:
Marco Bocci Herpes

Marco Bocci racconta la malattia: “Un herpes dalle labbra è arrivato al cervello”

28 Set. 2018
Marco Bocci Herpes

Il noto attore Marco Bocci, ospite del programma Mediaset Verissimo, ha parlato del grave problema di salute che lo ha colpito nel maggio scorso.

“Quando fai troppo il tuo corpo ti dice che forse ti devi riposare un attimo. Quando sei stanco non hai difese immunitarie e il tuo corpo non riesce a proteggersi come dovrebbe”.

“A me è successo di pensare di avere una sciocchezza, un semplice herpes e invece lo stesso herpes non si è fermato alle labbra, ma è andato fino al cervello”.

“Fortunatamente la causa è stata individuata immediatamente ed è andato tutto bene – le sue parole ai microfoni della Toffanin -. Laura (Chiatti, ndr) mi è stata vicino. In quei giorni mi sono arrivati tanti messaggi e ho sentito il bene delle persone. Per questo motivo mi è sembrato doveroso ringraziare tutti attraverso un video messaggio”.

Marco Bocci | Chi è

Marco Bocci, nome d’arte di Marco Bocciolini (Marsciano, 4 agosto 1978), è un attore italiano noto per il ruolo del commissario Nicola Scialoja nella serie televisiva Romanzo Criminale e del vicequestore Domenico Calcaterra nella serie TV Squadra antimafia.

Attore di teatro, dove esordisce nel 2000 e dove vanta un discreto curriculum, cinema e soprattutto televisione, si è diplomato in recitazione presso il Conservatorio Teatrale d’Arte Drammatica “La Scaletta”, diretto da Giovanni Battista Diotajuti a Roma.

Vita privata

Nel gennaio 2014 ufficializza il fidanzamento con l’attrice Laura Chiatti con cui si sposa il 5 luglio dello stesso anno e annuncia l’attesa di un bambino.

Il loro primogenito, Enea, nasce il 22 gennaio 2015 presso l’ospedale di Perugia. L’8 luglio 2016 nasce il secondogenito Pablo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus