Me
Finge di essere incinta per incastrare il marito, 9 mesi dopo simula il rapimento
Condividi su:
finta gravidanza

Finge di essere incinta per incastrare il marito, 9 mesi dopo simula il rapimento

È successo in Colombia. La donna, 37 anni, voleva evitare il divorzio

28 Set. 2018
finta gravidanza

Erano a un passo dal divorzio, così Antonella Santiago Padilla ha finto di essere incinta per nove mesi, e inscenato un rapimento per giustificare il mancato parto. Quando i medici l’hanno visitata però, hanno scoperto l’inganno della donna, lasciando sbigottito il marito e tutta la famiglia.

La storia della complicata messa in scena arriva da Barranquilla, nel nord della Colombia. Antonella ha 37 anni e un matrimonio sull’orlo del fallimento: il marito vuole lasciarla.

Così decide di simulare una gravidanza, per tenere l’uomo legato a sé. Per 9 mesi si veste con abiti abbondanti, e settimana dopo settimana si imbottisce di cuscini e stracci sempre più ingombranti sotto gli indumenti.

In questo modo ottiene la forma del pancione, e al marito porta delle false ecografie scaricate da Internet. Riesce poi a evitare di avere rapporti sessuali con lui inventandosi che è una gravidanza a rischio e sarebbe pericoloso per il bambino.

Quando arriva il momento di partorire, Padilla non si arrende e inscena un improbabile rapimento. Ai familiari racconta di essere stata presa da un gruppo di trafficanti di organi mentre stava andando in ospedale.

Gli uomini l’avrebbero fatta salire su un furgone rosso con i vetri oscurati per poi drogarla e praticarle un cesareo. Gli agenti della polizia a cui ha raccontato quanto accaduto si sono insospettiti quando la donna ha rifiutato di farsi visitare.

I familiari l’hanno però costretta a farlo: in poco tempo le analisi hanno smascherato la donna e le sue bugie. Antonella non aveva subito nessun cesareo, non era stata drogata e soprattutto non era mai stata incinta.

La polizia ha dovuto sanzionarla per aver fatto perdere tempo a un pubblico ufficiale e allo staff medico dell’ospedale con una multa pari a 14mila euro.

Ma la donna ha regalato un ultimo colpo di scena: nella notte, Antonella è fuggita dal letto d’ospedale e ora la famiglia e la polizia sono sulle sue tracce.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus