Me

Chi è David Ermini, il nuovo vicepresidente del Csm che non piace a Di Maio e Bonafede

Immagine di copertina
Davide Ermini. Credit: Imagoeconomica

Giovedì 27 settembre 2018 il plenum del Consiglio superiore della magistratura (Csm) ha eletto David Ermini, come suo vicepresidente.

L’elezione ha suscitato la dura reazione del Movimento Cinque Stelle e dei suoi due maggiori esponenti di governo, il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, e il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

La carica di vicepresidente del Csm equivale nella sostanza a quella di presidente, nel senso operativo del termine. La Costituzione, infatti, prevede che il presidente del Consiglio superiore della magistratura sia il presidente della Repubblica.

Ermini, deputato del Partito democratico, ha annunciato che chiederà la sospensione dal Pd e ha assicurato che risponderà “solo alla legge e alla Costituzione”.

Chi è David Ermini

Avvocato penalista, ex responsabile Giustizia del Pd, David Ermini sarà il vice del presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla guida del Csm per i prossimi quattro anni.

Nato 58 anni fa a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, si è laureato all’università del capoluogo toscano con una tesi sul diritto di voto degli italiani all’estero.

La sua prima esperienza politica risale agli anni Ottanta come consigliere comunale di Figline Valdarno, incarico che ha rivestito anche tra il 2001 e il 2006.

Nel 2004, e fino al 2009, Ermini è stato capogruppo della Margherita alla Provincia di Firenze durante la presidenza di Matteo Renzi e, tra il 2009 e il 2013, presidente del consiglio provinciale di Firenze.

È stato per la prima volta eletto deputato nel 2013, e il 16 settembre 2014 nominato responsabile Giustizia del Pd guidato da Renzi. Dal 2015 al 2017 è stato commissario regionale del Pd Liguria.

Rieletto deputato nelle file del Partito democratico il 4 marzo scorso, il 19 luglio Ermini è stato scelto dalle Camere tra gli 8 laici della nuova consiliatura di Palazzo dei Marescialli, che terminerà il suo mandato nel 2022.

In passato, Ermini ha svolto funzioni di vicepretore onorario e di giudice sportivo presso la Figc per il settore giovanile.