Me
Micronesia, aereo di linea finisce in mare: tutti salvi i passeggeri
Condividi su:
aereo mare micronesia
Il video del boeing 737 Air Niugini poco dopo l'incidente

Micronesia, aereo di linea finisce in mare: tutti salvi i passeggeri

Il boeing 737 stava per effettuare uno scalo tecnico a Weno e non ha centrato la pista

28 Set. 2018
aereo mare micronesia
Il video del boeing 737 Air Niugini poco dopo l'incidente

A Weno, isola della Micronesia nell’oceano Pacifico, un aereo di linea in fase di atterraggio ha sbagliato manovra ed è finito in mare. I 47 passeggeri a bordo sono stati raggiunti dai pescatori locali e dai soccorsi e risultano tutti in salvo.

Il boeing 737 della compagnia di bandiera della Papua Nuova Guinea Air Niugini era partito giovedì 27 settembre alle 15 da Port Moresby.

Prima di raggiungere Pohnpei, la capitale della Micronesia, avrebbe fatto come di consueto uno scalo tecnico d i45 minuti al Chuuk International Airport, sull’isola di Weno, nello Stato di Chuuk.

Per ora non è ancora chiaro se l’aereo, prima di finire nella laguna che circonda l’arcipelago, sia atterrato brevemente sulla pista (lunga 1,8 chilometri e circondata su tre la ti dal mare) o sia entrato subito in mare.

Dopo l’impatto l’acqua ha iniziato immediatamente a entrare nella fusoliera, che è rimasta a galla il tempo necessario a permettere l’uscita dei 12 membri dell’equipaggio e i 35 passeggeri.

In pochi minuti sul luogo dell’incidente sono arrivati numerosi pescatori a bordo di piccole barche a motore che hanno aiutato le persone ad abbandonare l’aereo dalle uscite di emergenza e le hanno riportate a riva.

Alcuni testimoni che erano nei pressi della spiaggia hanno raccontato di aver visto l’aereo arrivare all’impatto con l’acqua almeno 500 metri oltre la pista di atterraggio.

Al momento dell’incidente c’era scarsa visibilità a casa di pesanti piogge, ma fortunatamente c’era ancora la luce del sole che ha permesso di velocizzare i soccorsi.

Tutte le persone coinvolte sono state portate subito in ospedale, per ricevere le prime cure e farsi medicare, ma nessuno ha riportato ferite gravi.

Leggi anche: Un aereo rischia di atterrare sopra un altro aereo, il pilota sfiora la strage

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus