Me
La Tate copia Wikipedia per scrivere le biografie degli artisti che ospita
Condividi su:
tate wikipedia biografie artisti
La Tate confessa: "Non abbiamo fondi per curare le biografie". Credit: Getty Images

La Tate copia Wikipedia per scrivere le biografie degli artisti che ospita

Il complesso museale britannico, però, lo ha ammesso candidamente: "Non abbiamo risorse per creare o aggiornare ad hoc ogni biografia"

27 Set. 2018
tate wikipedia biografie artisti
La Tate confessa: "Non abbiamo fondi per curare le biografie". Credit: Getty Images

Figuraccia per la Tate Modern. Il complesso museale britannico è stato sorpreso a copiare da Wikipedia le biografie degli artisti che ospita. Sembra assurdo, eppure una delle istituzioni culturali più prestigiose al mondo si è trovata costretta a far ricorso all’enciclopedia opensource più famosa di sempre.

A far scoppiare il caso è stato il critico e storico dell’arte Bendor Grosvenor, conduttore di programmi televisivi ed esperto di artisti come Peter Paul Rubens, Claude Lorrain e Brueghel il Giovane. Ma Grosvenor è soprattutto un grande studioso di Antoon van Dyck.

È sul suo account Twitter che lo storico dell’arte sferra il suo attacco al complesso monumentale britannico. Bendor Grosvenor non avrebbe gradito particolarmente un bizzarro particolare a proposito della barba del pittore Antoon van Dyck. Lo studioso ha sottolineato inoltre che in alcune parti il suo nome era stato scritto in modo sbagliato.

Ma il colpo fatale c’è stato quando lo storico dell’arte ha affermato che “la Tate ha rimosso dal suo sito web le biografie di artisti scritte dai curatori e le ha sostituite con testo tagliato e incollato da Wikipedia”.

La Tate risponde

In men che non si dica il polo museale ha risposto alla frecciatina dello studioso del pittore fiammingo e ha ammesso candidamente non ci sono fondi, hanno fatto sapere: “Purtroppo non ci sono risorse per creare o aggiornare ad hoc ogni biografia”, racconta un portavoce della Tate.

“Inoltre la collezione è sempre in crescita e per gli artisti ancora in vita è necessario apportare modifiche continue”, continua la portavoce.

Ma dietro c’è anche una motivazione di “contenuto”: “D’altra parte le pagine di Wikipedia sono costantemente revisionate, quindi di solito sono le più aggiornate. Quello che abbiamo cercato di fare è di sostenere l’arte e gli artisti e di fornire, per quanto ci è possibile, una biografia più attuale possibile sempre tenendo conto delle nostre risorse. Creare una collaborazione con Wikipedia è un piano a lungo termine per dare al nostro al pubblico il sostegno migliore”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus