Me
Un senzatetto ha ereditato 19 milioni di dollari, ma è morto senza saperlo
Condividi su:
Senzatetto eredita milioni dollari

Un senzatetto ha ereditato 19 milioni di dollari, ma è morto senza saperlo

27 Set. 2018
Senzatetto eredita milioni dollari

Era milionario ma non lo sapeva. Un destino beffardo quello che è toccato a Timothy Grey, sessantenne clochard statunitense, morto nel 2013 per la strada a causa dell’ipotermia, ma con la possibilità di intascare ben 19 milioni di dollari.

La NBC News ha anche ricostruito la storia familiare dell’uomo: Grey era un lontano discendente di Huguette Clark, nota ereditiera americana il cui patrimonio personale ammontava a circa 300 milioni di dollari.

Figlia di uno dei più importanti finanzieri americani, la Clark non si era mai sposata, vivendo la sua vita tra residenze di lusso a New York e in California.

Morta a 105 anni ha poi lasciato ai legittimi discendenti eredità pari a circa 19 milioni di dollari ciascuno.

Tra i quali figurava anche Timothy. Ma lui non lo ha mai saputo anche perché, dopo la morte della madre nel 1990, aveva fatto perdere le tracce, iniziando a vivere per strada come un senza tetto e chiudendo i rapporti con amici e parenti.

Una situazione al limite che ha reso impossibile per gli avvocati della famiglia Clark rintracciarlo per comunicargli l’eredità che gli spettava. In sintesi: niente soldi.

Grey è quindi morto per strada, nel Wyoming vicino al confine con lo Utah, a causa del gelo che in quelle zone nella notte arriva fino a meno 10 gradi.

A ritrovare il suo corpo furono dei bambini grazie allo slittino con cui giocavano che era finito sotto un cavalcavia. Poi l’identificazione in cui si notò come l’uomo – nonostante il freddo polare – indossasse solo una giacchetta leggera. E pensare che, se qualcuno lo avesse rintracciato, sarebbe stato milionario.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus