Me

Roma, barricate in strada: “Siamo sommersi dai rifiuti”

I cittadini hanno manifestato contro i continui ritardi nella raccolta differenziata

Immagine di copertina

La mattina del 26 settembre un gruppo di cittadini di Ponte di Nona, a Roma, ha bloccato il traffico nel tratto di via Alberto Luthuli per protestare contro i ritardi nei servizi per la raccolta differenziata.

I cittadini sono infatti esasperati dalla continua presenza di rifiuti e hanno usati i sacchetti dell’immondizia per bloccare il transito.

La polizia locale del gruppo VI Torri si è recata sul luogo per gestire la viabilità e ripristinare la normale circolazione in breve tempo.

L’Ama, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti, ha assicurato che verrà effettuato al più presto un intervento di pulizia.

Il sit-in di protesta è la prova “che la pazienza dei cittadini è giunta al termine”. Queste le parole de Fabrizio Compagnone, capogruppo del PD del municipio VI.

“Adesso basta, i cittadini non sono più disposti a pagare sulla propria pelle le conseguenze di una scellerata scelta politica, quella della raccolta differenziata spinta che non funziona”.

“A volte però qui i netturbini non si sono visti per giorni interi, siamo stufi di vedere immondizia dappertutto e di sentire la puzza a qualsiasi ora del giorno e della notte. È pieno di insetti”, raccontano i cittadini della zona, intervistati dal Corriere della Sera.

Il problema della raccolta rifiuti a Ponte di Nona va avanti ormai da diverso tempo, nonostante nel quartiere, alla fine del 2017, siano staiti posizionate delle postazioni mobili per la raccolta differenziata e in particolar modo necessari per i rifiuti ingombranti.

“Siamo abbandonati, si ricordano di noi solo quando ci sono le elezioni”, continuano i cittadini.

Tra le cause del degrado anche l’inciviltà: in via Schweitzer ci sono anche  delle vasche da bagno lasciate vicino ai cassonetti.

Solo alcuni giorno fa tre operatori dell’Ama hanno denunciato di essere stati aggrediti mentre erano in servizio nella zona di Scalo san Lorenzo. I funzionari dell’azienda sono stati colpiti con delle uova da alcuni residenti non identificati mentre ritiravano i rifiuti da uno dei condomini del quartiere.

In molte zone di Roma i residenti sono insoddisfatti a causa del pessimo servizio di raccolta rifiuti porta a porta.