Me
Noto, la capitale del barocco siciliano che ospita il matrimonio tra Fedez e Chiara Ferragni
Condividi su:
noto sicilia
La cattedrale di Noto

Noto, la capitale del barocco siciliano che ospita il matrimonio tra Fedez e Chiara Ferragni

Nel 2002 il centro storico della cittadina della Sicilia meridionale è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco. Cosa c'è da sapere sulla città e perché è stata scelta come location per le nozze dell'anno

25 Set. 2018
noto sicilia
La cattedrale di Noto

Sono tanti i comuni siciliani che nell’estate 2018 sono stati meta apprezzatissima di turisti italiani e non. Ma uno più di tutti è stato al centro delle cronache, e lo sarà ancora per qualche settimana, dal momento che vi si è celebrato il matrimonio tra Chiara Ferragni e Fedez.

Si tratta di Noto, comune italiani di 24mila abitanti, e definito la “capitale del Barocco”.

Nel 2002 il centro storico della cittadina della Sicilia meridionale è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco, insieme alle altre città barocche del Val di Noto, Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Palazzolo Acreide, Ragusa e Scicli.

Si tratta del più grande comune della Sicilia e del quarto d’Italia.

Uno dei simboli architettonici della città è la sua Cattedrale. Il 13 marzo del 1996 la cupola della Cattedrale crollò a causa di un difetto di costruzione e del sovraccarico strutturale determinato dalla costruzione di un solaio in cemento sopra la navata centrale.

La chiesa di San Nicolò è stata sottoposta a un lungo e complesso restauro durato 11 anni, ed è stata riaperta il 18 giugno 2007.

Perché è stata scelta Noto

La città di Noto è stata scelta per via delle origini siciliana della madre di Chiara Ferragni, Marina Di Guardo. La donna, con le tre figlie, ha però sempre vissuto tra Cremona e Milano. “Orgogliosa di veder celebrato il matrimonio di mia figlia in Sicilia, la terra dei miei genitori, grata di capire dai suoi occhi quanto sia importante questo momento per lei”, ha detto la donna in un’intervista a Vanity Fair.

La location è stata scelta dopo un mini-tour che la futura sposa e ha fatto nel dicembre 2017 con la madre e con le amiche e collaboratrici Martina Maccherone e Michela Gombacci.

Alcuni giornali siciliani hanno stimato in 10 milioni gli introiti che questo matrimonio genererà per la città di Noto.

La cittadina di Noto sarà trasformata per alcuni giorni in una vera e propria Coachella, con fiori, vestiti e gonne ampie, glitter, tatuaggi, e look fashion in perfetto California style.

Chiara Ferragni è arrivata a Noto il 29 agosto, tre giorni prima delle nozze. Fedez l’ha raggiunta il 31 agosto, con un volo privato Alitalia.

A sposare la coppia sarà il sindaco Bonfanti, intervistato da TPI.

L’influencer e il rapper per la cerimonia di nozze del primo settembre hanno optato per una tenuta a Palazzolo Acreide, a una ventina di chilometri da Noto, la località nel Siracusano all’inizio apparsa come prescelta dalla coppia.

La Dimora delle Balze ha ospitato celebrità e amici degli sposi in una festa grandiosa. Una location dal sapore antico si è trasformata nel palcoscenico delle nozze più attese dell’anno, con tanto di Luna Park e lucine ovunque.

La sera prima delle nozze, venerdì 31 agosto, si è tenuta una festa privata a Palazzo Nicolaci, in pieno centro.

Nel centro di Noto era apparso un grande pannello alto circa 7 metri, che impediva la vista della Loggia del Mercato, alle spalle di Palazzo Nicolaci, per sbarrare l’accesso di curiosi e non invitati.

La città di Noto è in subbuglio, ma il comune ha gestito l’evento dell’anno con la massima riservatezza. Migliaia di persone sono giunte nella cittadina siciliana tra invitati, curiosi e giornalisti.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus