Me

Usa, una seconda donna accusa di molestie sessuali il giudice Kavanaugh

Il giudice è stato accusato di violenza sessuale dalla professoressa Christine Blasey Ford, che testimonierà giovedì 27 settembre

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Una seconda donna ha avanzato delle accuse di molestie sessuali contro il giudice che Donald Trump vorrebbe come presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti, Brett Kavanaugh.

Si tratta di Deborah Ramirez, una compagna di corso dell’università di Yale, che ha raccontato la presunta molestia al giornale statunitense New Yorker.

Secondo quanto raccontato dalla donna, Kavanaugh ha esposto i suoi genitali durante una festa in un dormitorio e li ha spinti contro il suo volto, provocando un contatto fisico non desiderato.

Il giudice ha negato sia le accuse di Deborah Ramirez che quelle avanzate in precedenza dalla professoressa Christine Blasey Ford, che la settimana scorsa ha accusato Kavanaugh di averla molestata sessualmente nel 1982.

La Ford ha accettato di testimoniare giovedì 27 settembre contro il giudice.

La senatrice Dianne Feinstein ha chiesto “l’immediato rinvio di ogni ulteriore procedimento” relativo alla nomina di Kavanaugh a capo della Corte suprema in una lettera inviata al Presidente della commissione.

La Ramirez sostiene che l’incidente si sia verificato quando era una matricola alla Yale University insieme a Kavanaugh durante l’anno accademico 1983-84.

Secondo la sua testimonianza, entrambi erano ad una festa in uno dei dormitori dell’Università in cui gli invitati erano seduti in cerchio e obbligavano qualcuno a bere.

A un certo punto, un ragazzo ha puntato verso di lei un pene di plastica e in seguito un altro ha mostrato i suoi genitali.

“Ricordo che un pene si trova di fronte alla mia faccia”, ha raccontato. “Sapevo che non era una cosa che volevo, anche in quello stato”.

La Ramirez ha anche raccontato di essere stata derisa e schernita e ha toccato i genitali di Kavanaugh mentre tentava di respingerlo.

“Non avevi intenzione di toccare un pene fino a quando non fossi stata sposata”, ha detto la donna, riferendosi alla sua educazione cattolica. “Ero imbarazzata, imbarazzata e umiliata”.

Le nuove accuse hanno bloccato l’elezione del candidato del presidente Trump, che deve avere l’approvazione del Comitato giudiziario del Senato e poi dall’intero Senato.

La professoressa Christine Blasey Ford, che si è fatta avanti la settimana scorsa, ha accettato di essere interrogata pubblicamente nel corso di un’audizione in commissione giovedì 27 settembre.

La donna sostiene che Kavanaugh abbia cercato di spogliarla quando era ubriaca, di averla bloccata sul letto mentre con una mano le tappava la bocca durante una festa della scuola superiore nel 1982, quando lei aveva 15 anni e lui 17.