Me
La sorella di Meghan Markle: “Mi ha detto teniamoci in contatto e poi è sparita”
Condividi su:
meghan markle sorella
Samantha Grant a Domenica Live e la sorella Meghan Markle. Credit: Getty Images

La sorella di Meghan Markle: “Mi ha detto teniamoci in contatto e poi è sparita”

La sorella della duchessa di Sussex, 53 anni e malata di sclerosi multipla, torna a parlare del difficile rapporto con Meghan

08 Ott. 2018
meghan markle sorella
Samantha Grant a Domenica Live e la sorella Meghan Markle. Credit: Getty Images

Samantha Grant torna a parlare del rapporto con la sorella Meghan Markle e lo fa in occasione di una intervista rilasciata al programma Mediaset di Barbara D’Urso, Domenica Livemeghan markle sorella

Samantha è la sorella della duchessa di Sussex per parte di padre, il famoso Thomas Markle, di cui tanto si è parlato a ridosso del Royal Wedding del 19 maggio.

Samantha ha 53 anni ed è malata di sclerosi multipla. Le due sorelle non si vedono dal 2008. L’ultima volta che si sono sentite era il 2015. Un rapporto che si è deteriorato ben prima dell’arrivo di Harry nella vita dell’attrice.

“Ho parlato con Meghan a fine 2015-2016 e l’ho vista l’ultima volta nel 2008 quando è venuta alla mia laurea. Mio padre l’ha vista l’ultima volta un paio di anni fa. Io ho un problema alla spina dorsale, una sorta di malattia autoimmune, riguarda solo la mia schiena, mi compromette la deambulazione e l’uso delle braccia”, ha detto alla padrona di casa la sorella di Meghan.

“Meghan – ha continuato la donna – lo sa da molti anni. Non ho mai chiesto soldi, per noi conta essere una famiglia. Non so perché non parla più con nessuno, neppure da parte della madre”.

Barbara D’Urso ha chiesto alla donna se Meghan fosse sparita da quando ha conosciuto il principe Harry. E lei ha risposto affermativamente: “Sì, non so per quale motivo. Non capisco perché non debba vedere suo padre, non capisco perché qualcuno dovrebbe impedirle di vederlo. Il padre si è sacrificato tanto per lei, non capisco perché lei lo ferisca tanto”.

Sui giornali si è letto che Samantha Grant avrebbe detto che da tempo la sorella avrebbe voluto sposare un principe.

“Se leggi i miei tweet l’ho detto, ma se rilascio un’intervista centinaia di giornali riprendono quello che ho detto, lo stravolgono, mi mettono in bocca cose che non ho mai detto”, ha affermato la donna.

E continua: “È assolutamente impossibile parlare con Meghan. Ci ho provato attraverso mio padre, poi lei ha tagliato anche con lui. Non è possibile che una famiglia debba parlare tramite i giornali”.

A proposito del seguitissimo matrimonio della sorella col principe Harry, Samantha Grant ha affermato di averlo visto in tv, proprio come il resto del mondo: “L’ho vista così bella, vedo che è felice, ma come può non parlare con il padre? Non c’è alcuna ragione, posso giurarlo”.

E si giustifica: “Per questo parliamo con i giornali, questa situazione non ha senso. Quando l’ho sentita nel 2016, mi ha detto: teniamoci in contatto. Poi è sparita. Tagliare così mio padre dalla sua vita, è così triste. Non è vero che lui beve, le ha dato tutto, anche delle opportunità nel cinema”.

E sulla reputazione di “sorellastra” che le è stata cucita addosso dai media, Samantha ha affermato: “Credo che i giornali vogliano rovinare la favola, con il cattivo, la strega. Non c’è mai stata gelosia. Se hai una sorellina più piccola e tu sei un’adolescente, non vuoi più l’attenzione dei genitori, vuoi che l’abbia lei”.

Vorrebbe conoscere Harry, Samantha, vorrebbe che questa brutta storia finisse e che tornassero a essere una famiglia come le altre, unita come lo era prima dell’allontanamento di Meghan.

“Harry, Meg, in un certo senso non è giusto che la famiglia si parli attraverso la tv – ha detto ancora la donna – Tuo padre si è speso tanto per te. Non è giusto che tu lo escluda. Tu sei buona, come possiamo migliorare questa situazione? Comportati da adulta e accetta l’amore che noi come famiglia ti offriamo. Fai la cosa giusta, non c’è alcuna ragione per non farla”, ha concluso.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus