Me

Ragazzina manda foto hot a un uomo conosciuto in chat, dopo un anno scopre che è suo padre

È successo nel Bergamasco: la 15enne ha iniziato a scambiarsi messaggi con un uomo più grande di lei, ma che si nascondeva dietro un nickname

Immagine di copertina
Una 15enne ha portato avanti per un anno una conversazione hot con un uomo conosciuto online, per poi scoprire che si trattava del padre. Credit: Getty Images

A 15 anni ha iniziato a chattare con un uomo più grande di lei. Dai messaggi si è passati alle foto, che, nel corso del tempo, sono diventate sempre più osé. La storia tra i due è continuata per circa un anno, fino a culminare in una inaspettata e scioccante rivelazione: la giovane per dodici mesi aveva chattato e si era scambiata immagini hot con il padre.

La vicenda ha dell’incredibile, eppure è drammaticamente vera. I fatti si volgono nel Bergamasco, dove i due, padre e figlia, vivono. La giovane avrebbe iniziato a chattare online con un uomo che si presentava – come succede di frequente sui siti di incontri – con un nickname.

Per la ragazzina sarebbe stato impossibile risalire alla vera identità dell’uomo. Per questo si è lasciata andare, forse abbagliata dalle attenzioni di un uomo molto più grande di lei.

Se all’inizio i due si scambiavano solo messaggi, poi le conversazioni sono diventate sempre più a sfondo erotico. Fino alle foto, in cui la giovane si presentava in pose osé.

Mesi e mesi di messaggi di questo tipo, fino alla decisione di incontrarsi. Un appuntamento al buio e la scoperta sconvolgente: dall’altra parte della chat c’era sempre stato suo padre.

A denunciare la vicenda è stata una psicologa dell’Aga, l’Associazione genitori antidroga di Pontirolo Nuovo. “Confrontandoci recentemente con una professionista che segue uno sportello psicologico nella Bergamasca – rivela il presidente dell’Aga a Bergamo News – è emerso il caso di una quindicenne che, dopo un anno a scambiarsi via chat messaggi a sfondo erotico con un adulto, ha deciso di incontrarlo scoprendo poi che si trattava di suo padre. Farà molta fatica a superare il trauma subito”.

Oggi la giovane vive con la madre, che nel frattempo si è separata dal padre, in un altro paese.

Un trauma enorme figlio di una dipendenza crescente, quella da smartphone e social network, che in alcuni casi si traduce in episodi di cyberbullismo o, come per i fatti del Bergamasco, in quelli di cybersex.

L’allarme sul cybersex è legato a doppio filo alla dipendenza tra i giovani e l’utilizzo dei social networks. Al di là dei singoli episodi, i numeri complessivi sono decisamente preoccupanti: i ragazzi tra i 14 e i 21 anni coinvolti in episodi di cyberbullismo, e spesso cybersex, aumentano giorno dopo giorno.

Come racconta il presidente dell’Aga, “agevolati dal fatto di trovarsi ancora in un mondo virtuale, i giovani si sentono più liberi e sicuri, arrivando così in breve tempo a conoscere tutto sul mondo del sesso. In questo modo, però, bruciano i passaggi di una graduale e salutare esperienza diretta. Il mondo del sesso virtuale può portare anche a cattive sorprese”.