Me
“Non è vero che Di Maio ha viaggiato in economy, era in business”. Ma è una bufala
Condividi su:

“Non è vero che Di Maio ha viaggiato in economy, era in business”. Ma è una bufala

Il ministro aveva mostrato agli utenti il suo biglietto per dimostrare che stava viaggiando in economy, ma in rete è scoppiata la polemica

20 Set. 2018

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, è volato in Cina per un incontro internazionale, ma il suo viaggio ha scatenato diverse polemiche in rete.

Prima di partire, Di Maio aveva pubblicato un video in cui mostrava agli utenti il suo biglietto Alitalia classe economy, spiegando di non aver mai preso l’aereo di Stato per i suoi impegni internazionali, a differenza degli esponenti del precedente governo.

Il riferimento, nello specifico, è all’ex premier Renzi e al suo “Air Force”,  da sempre al centro delle critiche dei 5 Stelle.

“In partenza per la Cina. Si vola con aerei di linea ovviamente. Mai preso un volo di Stato in 3 mesi e mezzo da ministro, esattamente come vi avevo promesso”, si legge su post Instagram correlato da video pubblicato sul profilo del ministro.

Molti utenti hanno però dubitato delle parole di Luigi Di Maio dopo che in rete è iniziata a circolare una bufala secondo cui il posto 5C, riportato sul biglietto aereo del ministro, fosse in realtà in business class.

La notizia, falsa, è stata ripresa tra gli altri da Michele Anzaldi, esponente del Pd.

“La rete sbugiarda Di Maio: il volo in economy per la visita in Cina era una balla, l’ennesima, perché il ministro ha viaggiato in business. Lo conferma il posto del biglietto mostrato durante la diretta video dove Di Maio prende in giro gli italiani. Ora i giornali che hanno dato spazio alla video-bufala del vicepremier rettificheranno?”, scrive Anzaldi sul suo profilo Facebook.

In realtà, analizzando i dati riportati sul biglietto incriminato, si evince che Di Maio ha effettivamente volta in economy, come da lui stesso affermato.

Il ministro si è quindi visto costretto a intervenire sul suo profilo per smentire “le fake news del Pd”.

“Io li ringrazio sempre quelli del Pd, perché sono dei grandi: grazie a loro facciamo capire che noi siamo persone serie e loro raccontano menzogne”,scrive il ministro.

“Come vedete, è un biglietto di economy di un volo di linea, ma devo dire che un privilegio me lo sono concesso, cioè lo sky priority, su cui sicuramente quelli del Pd mi attaccheranno. Quegli stessi che si sono comprati un aereo di Stato a 170 milioni di euro senza mai usarlo (l’Air Force Renzi): e hanno pure il coraggio di attaccarmi”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus