Me
Entra in cabina e “sequestra” il treno, video shock nella metro di Roma
Condividi su:
gast video metro roma

Entra in cabina e “sequestra” il treno, video shock nella metro di Roma

19 Set. 2018
gast video metro roma

Il rapper romano Gast, all’anagrafe Manuel Gastrite, ha mostrato sui social quanto sarebbe facile sequestrare una cabina di guida della metro B di Roma dopo aver disarmato un vigilante.

Per qualche istante? No, per ben tredici minuti. Tanto è durata la diretta Instagram del rapper (seguito sul popolare social network da oltre 20mila persone) che lunedì 17 settembre ha mostrato la vistosa falla nel sistema di sicurezza della linea B.

Il live – come riporta Il Messaggero – si apre con Gast che cammina lungo la banchina, si avvicina da dietro a una guardia armata e mima il gesto di sfilare la pistola. La dimostrazione, come racconta lo stesso autore della folle iniziativa, che sulla metro “si potrebbero mettere anche le bombe”.

Poi Manuel entra in una cabina di guida, nella direzione opposta di marcia del treno. “Vedete? Ogni tanto la lasciano aperta”, le sue parole in diretta sul popolare social network. “A me non sembra giusto che tutto ciò si possa fare… Però vedete quante persone si sono collegate? Basta che faccio il matto”.

“Mi hanno preso a lavorare in metro, inizio questa sera – ha poi scherzato -. Vi piace questa superdiretta?”.

Poi qualche “consiglio”: “Quando arrivate in stazione spizzate sempre dallo specchietto retrovisore, perché ti potresti ritrovare il vigilante – le sue parole -. Se ti vede la vigilanza, non capisce che sei un poeta romantico e magari pensa che vuoi mettere le bombe”.

Fortunatamente la chiave necessaria per avviare il treno non era presente in cabina. Ma di certo lasciare la porta d’accesso alla postazione di guida aperta a tutti non è mai una buona idea.

Se al posto di un rapper “burlone” ci fosse stato un malintenzionato? Meglio non pensarci.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus