Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“Volete una mia intervista? Ecco quanto dovete pagarmi”: la nuova provocazione di Bebbe Grillo ai media

Sul suo blog, il comico genovese ha pubblicato il nuovo tariffario per l'anno in corso e per il 2019: "Per non far perdere tempo a voi e soprattutto a me"

Immagine di copertina

Un’intervista scritta a Beppe Grillo, e mandata solo via email, potrebbe costare 1000 euro a domanda. Iva esclusa e con un limite preciso: garantire un minimo di cinque domande.

Se invece l’obiettivo è scrivere un articolo per una rivista, un quotidiano o se si sta lavorando a un libro, il prezzo cambia: Grillo chiede di essere retribuito mille euro al minuto con un minimo di otto minuti.

Un’intervista televisiva, ancora, non potrebbe costare meno di 16mila euro: per radio, programmi televisivi, web radio e web tv il prezzo non scende sotto i duemila euro al minuto, con l’obbligo di garantire almeno un incontro di otto minuti.

È la nuova provocazione di Bebbe Grillo che, con un post pubblicato sul suo blog, ha reso noto il suo personale tariffario per concedere interviste e incotrare i media. “Per non far perdere tempo a voi, e soprattutto a me, ecco i prezzi per l’anno in corso e per il 2019”, si legge nella nota.

Per ulteriori informazioni, aggiunge il suo indirizzo mail ‘web@beppegrillo.it’.

Una probabile provocazione, ma ben studiata.

Del resto, il rapporto tra i media e il comico genovese non è mai stato lineare. Tra le molte, è rimasta famosa una frase, pronunciata verso i cronisti nel settembre 2017 all’hotel Forum di Roma, quando l’ex leader dei cinque stelle aveva detto: “Vi mangerei per il gusto di vomitarvi”. O ancora il “State attenti, vi togliamo i finanziamenti”.

E la più recente frase “i media ci portano verso il baratro”, con cui Grillo si era riferito al modo in cui i media avevano commentato il caso dell’atleta torinese Daisy Osakue quando, in un primo momento, si era pensato a un’aggressione di natura razzista.

Ma già altre volte, in tono scherzoso, aveva detto a qualche giornalista: “Dovreste pagarmi per le interviste”.