Me

“Sono stata palpeggiata da un prete nella metro di Roma”: arrestato 70enne inglese

Immagine di copertina

Un uomo inglese è stato fermato questa mattina alla stazione Termini di Roma dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale.

Secondo quanto riporta il Messaggero, intorno alle ore 10 del mattino di ieri (17 settembre 2018), una donna italiana di circa 40 anni è scesa alla fermata Metro A di Termini in preda al panico chiedendo aiuto a una volante del commissariato di Polizia Villa Glori presente sul posto perché aggredita da un uomo.

I poliziotti hanno quindi inseguito il presunto aggressore dentro la stazione Termini, piena – come sempre – di pendolari e turisti.

Una volta braccato, l’uomo avrebbe aggredito gli agenti a calci e pugni, colpendone uno al volto e costringendolo successivamente a delle cure mediche.

Secondo quanto riferito dalla donna, l’uomo l’avrebbe palpeggiata pesantemente sulle parti intime nell’indifferenza generale mentre erano a bordo del convoglio della metro A.

Il cittadino inglese, una volta fermato e fatto calmare, è stato quindi portato presso gli uffici del commissariato Viminale dove ai poliziotti che lo interrogavano ha negato tutto e riferito di essere un sacerdote della diocesi inglese e che risiede presso una struttura religiosa della Capitale.

Poco dopo sarebbero però scattate le manette con l’accusa di violenza sessuale, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.