Me
Cosa c’era prima di Tinder? L’evoluzione dell’online dating dal 1965 a oggi in un video
Condividi su:
tinder

Cosa c’era prima di Tinder? L’evoluzione dell’online dating dal 1965 a oggi in un video

A sei anni dal lancio di Tinder, Stylight ha ricostruito l’evoluzione dell’online dating in un video di 3 minuti e raccolto alcuni dati interessanti sul fenomeno

17 Set. 2018
tinder
In Italia sono circa 8,9 milioni i single che cercano attivamente un nuovo partner su una dating app. Ma da quando lo swipe right/left ha sostituito gli appuntamenti al buio organizzati dagli amici e gli incontri casuali al bar? tinder
A sei anni dal lancio di TinderStylight ha ricostruito l’evoluzione dell’online dating in un video di 3 minuti e raccolto alcuni dati interessanti sul fenomeno. tinder

Cosa c’era prima di Tinder? L’evoluzione dell’online dating dal 1965 tinder

Lo sapevi ad esempio che…? tinder
– i single più tecnologici hanno iniziato a cercare online la propria anima gemella diversi decenni fa (era il 1965!)
– oggi un terzo delle relazioni è nato online, con la percentuale che sale tra gli omosessuali tinder
– uno studio di Harvard e University of Chicago sostiene che i matrimoni nati da relazioni online sono più stabili di quelli tra persone che si sono conosciute offline
– un uomo di aspetto medio riceve in media un “match” ogni 115 donne alle quali ha messo like
– il sito per incontri extra-coniugali Ashley Madison ha oltre 54 milioni di utenti, mentre su Feeld (nata per coloro che cercano un threesome) il 25% degli utenti sono coppie
– c’è un’app per trovare l’anima gemella dedicata a persone che amano la salsa piccante? O solo per fedeli della religione ebraica? O per coloro che amano la vita in campagna? tinder

1965: benvenuto, Operation Match

La storia dell’online dating comincia nel 1965, quando Operation Match, antenato dei siti di incontri online, viene creato da due studenti di Harvard usando un computer IBM 1401. Il principio? Non c’era internet né la foto profilo, ma con 3$ gli utenti ricevevano una lista di potenziali partner creata grazie ad un questionario di compatibilità che includeva 75 domande. È il primo servizio di matching basato sull’uso del computer. Nel 1966 Operation Match contava già 90.000 utenti.

1993: Internet, WWW e il “lancia il tuo sito” con un click

Era il 1993: il World Wide Web diventa un pubblico dominio. All’improvviso chiunque, dovunque e in ogni momento può creare un proprio sito web. Una rivoluzione anche per il mondo degli incontri. L’accesso ad internet e ai computer ha il suo primo picco negli anni ’90, portando sempre più persone online.

Nel 1995 nasce il primo vero e proprio sito di incontri online, Match.com e da quel momento in poi si aprono le porte a centinaia di servizi online e milioni di e-flirt nati sulle app più disparate.

2004: Facebook, l’iPhone e l’app store

Sono i social media a rivoluzionare ancora più il mondo dell’online dating. Nel 2004Facebook debutta come un gioco “Hot or Not” che crea una classifica degli studenti più hot di Harvard. Ed è proprio con FB che diventa presto normale condividere online le proprie informazioni personali.  Da quel momento allo sbarco dell’iPhone nel 2007 e dell’app store nel 2008 è un attimo. Le porte sono aperte ad ogni nuova app pronta a soddisfare le necessità d’amore e incontri più disparate…

Dal 2009 ad oggi: Grindr, Tinder e i Millennial

Secondo una recente ricerca di Wearesocial e Hootsuite gli italiani attivi sui socialmedia sono circa 31 milioni – 30 di essi sono anche utenti mensili attivi di FB, dei quali 24 milioni utilizzano il social di Mark Zuckerberg ogni giorno. Combinando questi dati con il fatto che ci siano parecchi single alla ricerca dell’amore abbiamo il quadro perfetto per l’ascesa di quella ormai ex-startup chiamata Tinder  – sbarcata online nel 2012 aprendo le porte dell’online dating ad un nuovo gruppo demografico.

Se c’era un taboo che circondava il corteggiamento online è caduto quando i ventenni hanno cominciato a fare swipe: così come Grindr ha cambiato il mondo delle relazioni nella comunità gay, Tinder l’ha fatto con i Millennial. Dal suo debutto cinque anni fa Tinder ha collezionato oltre 50 milioni di swipe-user in oltre 190 paesi.

I millennials spendono in media 10 ore alla settimana sulle dating app e il numero dipersone che usano la tecnologia per incontri online è più che triplicato dal 2013. Dall’app che mette al centro le donne Bumble a quella che si concentra sull’affinità intellettuale Sapio, nel 2018 ci sono migliaia di dating app pronte a soddisfare ogni esigenza.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus