Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Incontro Berlusconi-Salvini: si avvicina l’intesa sulla presidenza Rai

Secondo quanto emerge da fonti di Forza Italia, nessuna decisione è stata ancora presa: le scelte definitive sono rinviate a un successivo incontro, al quale parteciperà anche Giorgia Meloni

Immagine di copertina
Credit: Afp

L’incontro tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, avvenuto ad Arcore la notte di domenica 16 settembre, non ha portato a nessun accordo definitivo. Alla riunione hanno preso parte anche Antonio Tajani e Giancarlo Giorgetti.

Fonti interne di Forza Italia definiscono “positivo” il faccia a faccia tra i due leader anche se precisano che nessuna decisione è stata ancora presa. L’intesa sulla presidenza della Rai, e le alleanze per le elezioni amministrative, sono state rinviate a un nuovo vertice allargato anche a Fratelli d’Italia che si svolgerà in settimana.

I due leader, viene riferito, “hanno fatto una disamina della situazione politica italiana, internazionale e economica” e “hanno parlato della condizione necessaria dell’esistenza” della coalizione.

Secondo quanto è emerso dall’incontro, i tre leader del centrodestra – Berlusconi, Salvini e Giorgia Meloni –  si incontreranno “per risolvere tutti i punti all’ordine del giorno e trovare le posizioni comuni per i problemi che interessano il paese”.

Quello di domenica sera, si ribadisce negli stessi ambienti, è stato un primo giro di tavolo, “un’infarinatura di tutti i temi” sui quali però non è stata presa ancora nessuna decisione.

Fonti azzurre sostengono che Forza Italia non avrebbe problemi a dare i suoi voti a Marcello Foa alla guida di viale Mazzini ma Berlusconi, prima di dare il suo via libera ufficiale, attende che il Carroccio chiarisca la sua posizione sulle alleanze per le amministrative e su alcuni punti ora all’esame del governo, come la flat tax o il famoso tetto per la pubblicità in tv ormai cavallo di battaglia del movimento cinque stelle.

Se gli azzurri hanno incassato il sì del leader della Lega a considerare il centrodestra “una condizione necessaria”, chi è vicino al vicepremier Salvini vuole ribadire ribadire che per la Lega i piani restano distinti: da un lato il governo con i cinque stelle con cui Salvini ha l’obiettivo di arrivare fino alla fine dalla legislatura e dall’altro la coalizione di centrodestra con la quale andare avanti in vista delle elezioni regionali.