Me
È uscito il trailer di “Generazione Diabolika”, il doc sul party più famoso degli anni Duemila
Condividi su:
trailer generazione diabolika

È uscito il trailer di “Generazione Diabolika”, il doc sul party più famoso degli anni Duemila

A un anno dalla scomparsa del vocalist Lou Bellucci è stato pubblicato il trailer ufficiale del lungometraggio "Generazione Diabolika"

18 Set. 2018
trailer generazione diabolika

Sembra passata un’eternità e invece sono trascorsi appena dieci anni. Giusto il tempo di vivere gli effetti della crisi economica, dell’inarrestabile sviluppo tecnologico e quello della rete.

Erano i tempi dei primi cellulari e quelli in cui le tracce di Emanuele Inglese e le voci infernali di Henry Pass e Lou Bellucci riempivano la notte di tanti giovani. Quelli del Diabolika sono stati anni che hanno segnato un’intera generazione.

Le “Scariche ” di D.Lewis ed Emix, l’energia di Paolo Bolognesi ed un concept dark e trasgressivo, basato sulle sonorità electrohouse hanno caratterizzato un’adolescenza terminata- metaforicamente- con la tragica scomparsa del vocalist Lou Bellucci, morto di arresto cardiaco il 15 settembre 2017.

Un’adolescenza che sembra lontana, ma che torna ad essere vicina con il documentario “Generazione Diabolika” il cui trailer è stato pubblicato proprio il 15 settembre 2018, nel primo anniversario della morte della storica voce del Diabolika.

Una storia fino ad oggi rimasta nel cassetto e che parte dalla night life romana di fine anni Novanta, con l’incontro tra Vladimir Luxuria ed Emanuele Inglese al Muccassassina, proseguendo con il party Scandalo fino a diventare il più grande party degli anni d’oro dell’house music italiana.

Un party dalle tinte demoniache e dark, dove con il concetto di trasgressione ci si giocava e a giocarci erano migliaia di persone ogni sera. Da Roma alla Piramide del Cocoricò, passando per il Red Zone di Perugia, il Rolling Stones e l’Alcatraz di Milano e a Bergamo, Napoli, Catania, Palermo, Cagliari  ed i più grandi centri della penisola, conquistando anche le piccole realtà di provincia.

Un evento che è divenuto poi diretta radiofonica, tramutandosi in vero e proprio fenomeno di costume: nato inizialmente come party underground è riuscito ad arrivare nei migliori club di tutta Europa. Allo Space di Ibiza la “Diabolìka” era l’appuntamento fisso del giovedì.

Un successo rapido e arrivato in pochissimo tempo. Dal 2003 al 2007  la scalata del gruppo di dj e organizzatori romani è stata rapida così come la sua influenza su quella generazione che amava e voleva divertirsi, facendolo in modo lecito e in qualche caso esagerando.

Ragazzi colorati che si vestivano a tema per vivere le emozioni della notte, adolescenti e non che hanno seguito questo movimento anche negli anni successivi e che ricordano un tempo che, se pur finito, resta ancora vivo in loro.

Il documentario “Generazione Diabolika” ricostruisce parti di questi anni in una sola notte, a pochi giorni dalla morte di Lou Bellucci, alla vigilia della serata “History” del 23 settembre 2017 dedicata alla scomparsa del giovane vocalist.

A prendere parola sono i dj Emanuele Inglese, D. Lewis, Paolo Bolognesi, Emix e Simone Lp; il vocalist Henry Pass, Vladimir Luxuria, Fabrizio De Meis, Stefano Santacruz e Sara Bellucci, sorella di Lou.

Girato tra settembre 2017 e marzo 2018, il film-Pa prodotto da Giuseppe Di Renzo, Silvio Laccetti e Gianmarco Capri, scritto e diretto da Silvio Laccetti- è stato lanciato il primo agosto con la pubblicazione di teaser.

Con l’uscita del trailer la promozione proseguirà per tutto il 2018, periodo durante il quale il documentario sarà presentato nei festival cinematografici internazionali. La data d’uscita non è ancora stata resa nota ma si parla del 2019.

Il trailer:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus