Me
Ricordando Mary Poppins
Condividi su:
Mary Poppins

Ricordando Mary Poppins

Nel 1964 usciva nelle sale cinematografiche il celebre film Mary Poppins, prodotto da Walt Disney, diretto da Robert Stevenson e vincitore di 5 premi Oscar

01 Ott. 2018
Mary Poppins

Il quattro settembre del 1964 debuttava nelle sale cinematografiche il celebre film Mary Poppins, prodotto da Walt Disney e diretto da Robert Stevenson. Il film ha vinto cinque premi Oscar e si basa sull’omonimo romanzo della scrittrice di origini australiane P.L. Travers.

L’autrice si dimostrò molto scettica quando le fu proposto di realizzare un film dal suo libro. Walt Disney dovette scendere a compromessi in più occasioni per realizzare la pellicola: una vicenda poi raccontata da Saving Mr. Banks, uscito nel 2013 e diretto da John Lee Hancock, con protagonisti Emma Thompson e Tom Hanks, che parla proprio di come Walt Disney riuscì a ottenere i diritti di sfruttamento del romanzo Mary Poppins.

La protagonista del film, Julie Andrews (nata il primo ottobre 1985 a Walton-on-Thames, nel Regno Unito), nel 1964 era sconosciuta al grande pubblico ed era attiva solo nei teatri di Broadway. Accettò di recitare in Mary Poppins solo dopo che, per il ruolo da protagonista nel celebre musical My Fair Lady, fu scelta Audrey Hepburn al suo posto. Mary Poppins fu il film campione d’incassi del 1965 con 28,5 milioni di dollari, superando anche Tutti Insieme Appassionatamente, Goldfinger e My Fair Lady.

Dopo oltre cinquant’anni, Mary Poppins è ancora un classico del cinema: ne è infatti uscita un’edizione speciale in Blue-Ray e dal 1993 il musical teatrale ispirato al film è tra i più visti a Broadway e nei teatri di tutto il mondo.

Il 15 settembre del 2015 la Disney ha annunciato che realizzerà un sequel del celebre film del 1964. La pellicola uscirà nelle sale il giorno di Natale e Mary Poppins sarà interpretata da Emily Blunt, con la benedizione della Andrews.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus