Me
“Quando Ibrahimovic gettò Gattuso nella spazzatura”
Condividi su:
Ibrahimovic gattuso spazzatura

“Quando Ibrahimovic gettò Gattuso nella spazzatura”

12 Set. 2018
Ibrahimovic gattuso spazzatura

Zlatan Ibrahimovic, ex attaccante di Juventus, Inter, Milan e Barcellona, oggi ai Los Angeles Galaxy, non è stato ed è solo un attaccante fenomenale, ma anche un uomo spogliatoio, un leader carismatico capace di imporsi anche con i senatori dei vari club in cui ha giocato.

Grazie al suo carattere Ibra riuscì ad imporsi anche con un certo Gennaro Gattuso, leader carismatico del Milan che vinse tutto, e ora allenatore proprio dei rossoneri.

Proprio del rapporto con l’ex centrocampista del Milan ha parlato un altro ex rossonero, Urby Emanuelson. L’esterno olandese dell’Utrecht, che in Italia ha vestito anche le maglie di Roma e Atalanta, durante un’intervista rilasciata a Voetbal Internation ha rivelato un curioso retroscena.

“Ibrahimovic era arrogante, ma fa parte del suo personaggio. Nella mia carriera non ho mai avuto un compagno di squadra con una simile personalità – le sue parole -. Ricordo che una volta Ibrahimovic prese Gattuso e, nonostante fosse forte fisicamente, riuscì a buttarlo nella spazzatura”.

Episodio confermato nei mesi scorsi anche da Thiago Silva, attuale difensore del Paris Saint Germain: “Un giorno, durante una seduta di allenamento, ci fu Gattuso che passò tutta la mattinata a stuzzicare Ibrahimovic. Era lì che lo provocava e Ibra incassava apparentemente senza dire nulla”.

“In realtà la sua vendetta sarebbe arrivata da lì a poco. Rino e Zlatan si incontrarono di nuovo a fine seduta negli spogliatoi e Ibra sollevò di peso il compagno ribaltandolo e gettandolo nel cestino della spazzatura. Fu una cosa pazzesca, cominciammo tutti a ridere pensando alla faccia di Gattuso”.

“Vi giuro che non riuscii a smettere di ridere per circa una settimana”.

Chissà come la prese Rino. Probabilmente non benissimo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus