Me

“Ho scoperto che mio padre era un prete cattolico grazie al test del Dna”

Il padre di Jim Graham era un sacerdote e ha provato a scappare con la madre, ma qualcuno li ha scoperti. Parla lo statunitense che ha scoperto le sue origini dopo 25 anni di ricerche

Immagine di copertina
A sinistra una foto di Thomas Sullivan, a destra Helen O'Connell. Al centro Jim Graham da neonato

Alcuni anni prima di morire, l’uomo che Jim Graham credeva fosse suo padre gli disse: “Mi dispiace per il modo in cui ti ho trattato” e poi scoppiò in lacrime. figlio prete test dna

John Graham, questo era il suo nome, non rivelò mai il motivo di quella confessione e si portò il segreto nella tomba quando morì nel 1979.

Solo diversi anni dopo, nel 1993, Jim venne a sapere la ragione di quello strano episodio.

Il vero padre di Jim non era John, ma probabilmente era un prete cattolico di nome Thomas S. Sullivan.

Quando Jim nel 1993 vide la foto di Sullivan nel suo necrologio, fu colpito immediatamente dalla forte somiglianza del proprio viso a quello del prete.

I sospetti di Jim, che vive in South Carolina, negli Stati Uniti, sono stati confermati soltanto da poco: lo scorso 6 settembre ha saputo grazie ai risultati del test del DNA sulla salma di Thomas S. Sullivan, che il prete era proprio suo padre.

La storia dei genitori di Jim

La madre di Jim, Helen O’Connell, era sposata con John Graham e aveva due figli.

Quando Jim nacque, nel 1945, Helen fuggì con il padre del bambino, Thomas S. Sullivan, un prete che lavorava a Buffalo, nello stato di New York.

Insieme, si nascosero nella città di New York, a circa 400 miglia da Buffalo.

Dopo sette mesi di ricerche, però, furono trovati dalla Chiesa che, secondo quanto racconta Jim a TPI.it, li stava cercando con degli investigatori privati.

“Erano sulla lista dei maggiori ricercati della Chiesa all’epoca”, ha detto Jim. “I loro piani non hanno funzionato perché stavano cercando di lasciare la Chiesa e il matrimonio ‘prima del tempo’. La Chiesa pensava che mio padre fosse una mina vagante. Se lui fosse riuscito a farcela, altri avrebbero potuto provarci”.

Helen e Thomas affidarono Jim alle cure di un orfanotrofio di New York, dove lui rimase per oltre un anno. La struttura si prendeva cura di lui 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 per 2 dollari al giorno.

“Stavano lottando per sopravvivere economicamente in una grande e strana città. Un reddito non era sufficiente per sostenerci, quindi entrambi hanno lavorato. Chiamo la nostra famiglia, ‘l’unione in fuga’, perché i miei genitori cercavano di mantenere un basso profilo, in modo da non essere trovati”, dice Jim.

Il lunedì, racconta, lo andavano a prendere all’orfanotrofio per portarlo fuori.

“Una volta scoperti, gli investigatori privati hanno seguito i miei genitori per settimane, per studiare le loro abitudini. La notte del 29 luglio 1947, il mio secondo compleanno, fecero irruzione nell’appartamento di mio padre all’una del mattino. C’erano gli investigatori, ma anche John Graham, suo fratello Otto e un amico di nome Pat Sheehy”.

Nel corso del processo di divorzio tra John Graham e Helen O’Connell Graham, queste tre persone testimoniarono dicendo di aver “trovato Helen Graham a letto con un uomo di Buffalo”.

Non dissero il nome dell’uomo che era insieme a lei, né il giudice lo chiese.

Secondo Jim, i giudici avevano assicurato alla Chiesa che lo scandalo non sarebbe finito sulla stampa.

Durante il processo, John Graham disse che Jim era suo figlio. Alla fine i giudici gli assegnarono la custodia del bambino.

Campagna regione lazio

Il suo vero padre, Thomas S. Sullivan, era stato arrestato pochi mesi prima e rinchiuso in un campo degli oblati a Essex, New York.

Sullivan rimase lì per 16 anni, passando attraverso la riabilitazione, prima di avere indietro i suoi diritti sacerdotali.

La scoperta delle proprie origini

Nel 1993 quello che Jim riteneva essere suo zio, Otto Graham, ruppe il silenzio.

Era arrabbiato perché Jim ce l’aveva ancora con il padre per come lo aveva trattato quando era in vita, e forse volle punirlo.

Si lasciò sfuggire un’affermazione che, come nel gioco del telefono senza fili, arrivò alle orecchie di suo figlio (il cugino di Jim), il quale poi la rivelò a Melodie (la moglie di Jim).

L’informazione era questa: il vero padre di Jim non era John, ma avrebbe potuto essere un prete cattolico.

Il prete indicato da Otto era morto da poco. Anche Helen era già morta, e non poteva confermare questa versione, ma Jim era determinato a scoprire la verità.

“Conoscere le proprie origini è una legge naturale dell’umanità”, ha detto Jim Graham a TPI.it. “Perché non avrei dovuto essere curioso? John Graham era un uomo rude, burbero nel fiore degli anni; perché non avrei dovuto conoscere il mio vero patrimonio genetico? Sullivan era un accademico, un grande oratore  e un uomo dotato di grande intelligenza. L’opposto di John Graham”.

La ricerca di Jim è durata 25 anni e ha superato diversi ostacoli.

Jim Graham racconta che quando si è avvicinato agli oblati per ottenere conferma, ha incontrato una “resistenza silenziosa”.

Un sacerdote oblato che conosceva Sullivan disse a Jim: “Dimentica le ingiustizie del passato. Hai un buon patrimonio genetico, quindi continua con il resto della tua vita”.

Un altro prete ha fornito a Jim documenti ecclesiastici degli anni Quaranta, che includevano la corrispondenza tra gli oblati di Buffalo e Roma, e confermavano che Sullivan aveva avuto una storia con una donna.

Lo stesso sacerdote che ha fornito questa corrispondenza, ha detto che altri documenti erano stati censurati. Jim ritiene che queste carte avrebbero potuto dimostrare che Sullivan aveva avuto un figlio.

A febbraio 2018 Jim Graham ha scritto ai funzionari degli oblati chiedendo la riesumazione dei resti di Sullivan.

Con sua sorpresa, la richiesta è stata accolta.

I resti di Sullivan sono stati riesumati da Ann Marie Mires, un’antropologa forense, il 18 giugno, a Tewksbury, Massachusetts, in un cimitero privato di proprietà degli Oblati di Maria Immacolata.

I campioni sono poi stati esaminati da Bode Cellmark Forensics, una ditta della Virginia che ha condotto il test del DNA e ha confermato che Thomas Sullivan è il padre di Jim.

Anche se è troppo tardi per incontrare suo padre, Jim sottolinea che questa scoperta per lui è stata fondamentale.

“Dopo aver intervistato dozzine di suore, membri del clero e laici che conoscevano mio padre, conosco il suo carattere e sono convinto che i geni facciano la differenza, e dopo questa scoperta mi sento più fiducioso in ogni questione di cui mi occupo”.

Quando chiediamo a Jim Graham se pensa che la regola del celibato sacerdotale potrà essere rivista, risponde: “Penso che dovrebbe esserlo e che lo sarà, ma dubito che accadrà nel corso della mia vita. Considerando le rivelazioni mondiali di abusi nella chiesa, è necessario un cambiamento radicale”.

I casi dei figli dei preti

TPI.it ha già raccontato alcune delle storie dei figli di preti cattolici, inclusa quella del cittadino irlandese Vincent Doyle, fondatore dell’associazione Coping International (qui la lettera di Doyle a Papa Francesco).

“Prima di conoscere Coping International, non avevo idea di quanti ‘figli dei preti’ esistessero. Non ho mai pensato che si trattasse di un fenomeno diffuso, ma dopo aver parlato con Vincent ho aperto gli occhi”, dice Jim.

“Con il sostegno di Vincent, e ora degli altri ‘figli dei preti’ che seguono la mia storia su Facebook o Twitter, sono diventato più aperto nel mio viaggio personale, e spero che la mia ricerca della verità possa portare della luce anche nelle loro storie personali”.

“La recente notizia della straordinaria storia di Jim Graham, della sua ricerca per scoprire l’identità del suo padre biologico costituisce un precedente per il numero potenzialmente enorme di altre persone che si trovano nelle stesse circostanze”, è la dichiarazione diffusa da Coping International.

“I servizi di supporto e la disponibilità di servizi avanzati di test del DNA offrono la possibilità a innumerevoli altre persone di trovare la loro verità e la loro identità. Coping International è pronta a sostenere i figli dei preti e coloro che hanno subito abusi dal clero e la società Origin Genetics Ltd si è affiancata a noi per offrire informazioni e supporto in relazione a tutti gli aspetti processo di analisi del DNA.”

Leggi anche: “Il mio medico e le suore mi hanno fatto credere che mia figlia fosse nata morta”, la storia di una delle madri dei bambini rubati in Spagna

Se sei figlio di un prete o di religiosi e vuoi condividere la tua storia per sensibilizzare l’opinione pubblica italiana sul tema, puoi contattare l’autrice dell’articolo alla mail a.ditta@tpi.it