Me
11 settembre: pubblicato un nuovo video inedito dell’attentato alle Torri Gemelle
Condividi su:
11 settembre video inedito
Alle 8:46 di mattina dell’11 settembre del 2001, un forte boato sconvolse Manhattan.

11 settembre: pubblicato un nuovo video inedito dell’attentato alle Torri Gemelle

Un ex operatore dell'emittente televisiva statunitense Cbs ha diffuso alcuni filmati mai mostrati prima del più grave attacco terroristico di sempre

11 Set. 2018
11 settembre video inedito
Alle 8:46 di mattina dell’11 settembre del 2001, un forte boato sconvolse Manhattan.

11 settembre video inedito – Sono stati pubblicati una serie di video inediti dell’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001. Mark LaGanga, l’ex operatore dell’emittente televisiva statunitense Cbs ha diffuso i filmati ripuliti nell’audio e nelle immagini che mostrano i momenti successivi alla tragedia a pochi giorni dal 17esimo anniversario. 11 settembre video inedito

Il video, che ha ottenuto in poche ore più di due milioni di visualizzazioni, dura poco meno di mezz’ora e mostra l’eroismo dei soccorritori che accorrono tra la polvere e le macerie per intervenire sull’emergenza.

L’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001

Alle 8:46 di mattina dell’11 settembre del 2001, un forte boato sconvolse Manhattan, l’isola che rappresenta la zona centrale della città americana di New York. Gli sguardi dei passanti si concentrarono presto sulla torre nord del World Trade Center – le cosiddette torri gemelle – nella quale si stava sviluppando un incendio.

Dopo gli iniziali interrogativi su cosa fosse avvenuto, alle 9:03 minuti un aereo si schiantò sulla torre sud del World Trade Center. Se in quel quarto d’ora c’erano stati dei dubbi, divenne a quel punto evidente che si trattava di un attacco terroristico.

“Presidente, l’America è sotto attacco,” sussurrò Andrew Card, membro dello staff del Presidente degli Stati Uniti George W. Bush, mentre quest’ultimo era impegnato in un incontro in una scuola.

Tutti gli Stati Uniti entrarono in stato d’allerta. Aerei militari si alzarono in volo a difendere gli spazi aerei di New York e Washington. 11 settembre video inedito

I due velivoli schiantatisi sulle Torri Gemelle non erano stati gli unici ad essere stati dirottati.

Alle 9:27, infatti, un terzo aereo si schiantò contro il pianterreno del Pentagono, l’edificio che ospita il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, a Washington D.C.. Anche un quarto volo fu dirottato e finì per schiantarsi al suolo in Pennsylvania, dopo quella che parve essere una rivolta dei passeggeri, informati di quanto stava avvenendo quel giorno.

Gli attacchi causarono la morte di quasi 3mila persone e il crollo di entrambe le torri del World Trade Center: si trattò quindi del più grande attentato terroristico mai avvenuto prima d’ora.

In poco tempo i media e le autorità individuarono in Osama Bin Laden e in al-Qaeda, l’organizzazione terroristica da lui guidata, i responsabili dell’attentato.

In seguito a questo fatto, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush, lanciò la guerra al terrorismo per sconfiggere la minaccia che aveva colpito l’11 settembre l’America, con l’obbiettivo di fermare Osama Bin Laden e la costituzione di nuove organizzazioni di stampo terroristico.

Fu così che nell’ottobre del 2001 gli Stati Uniti diedero inizio alla guerra in Afghanistan, Paese controllato dal gruppo estremista islamico dei taliban e che proteggeva Osama Bin Laden. Entro la fine del 2001, il governo talebano venne rovesciato, ma i guerriglieri, fedeli ai loro ideali, continuarono, e continuano tuttora, una forte attività bellica per cui la guerra in Afghanistan ancora oggi non può essere considerata conclusa.

Osama Bin Laden si rifugiò in Pakistan, presso le zone tribali del nord del Paese, e fu proprio lì che nel 2011 venne ucciso da un’azione dei Navy Seals, un corpo scelto dell’esercito statunitense.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus