Me
Spunta un nuovo murales di Salvini ritratto a testa in giù. Il ministro: “Che squallore, quanto odio”
Condividi su:

Spunta un nuovo murales di Salvini ritratto a testa in giù. Il ministro: “Che squallore, quanto odio”

Le immagini dell'opera di street art sono state pubblicate dal consigliere comunale della Lega, Fabrizio Ricca, che ha condannato il nuovo poster

10 Set. 2018

Da mesi il ministro dell’Interno Matteo Salvini è il protagonista di opere di street art dal tono satirico comparse in giro per l’Italia e firmate nella maggior parte dei casi da SiranteTvboy.

Il 9 settembre il consigliere comunale della Lega, Fabrizio Ricca, ha condiviso sul suo profilo Facebook le foto nuovo murales a Torino che ritrae il leader del partito a testa in giù.

Quest’ultima pera è un chiaro riferimento a Benito Mussolini.

“Potete attaccare Salvini in tutti i modi possibili, ma l’Italia è con lui. Bestie”, ha scritto il consigliere sulla piattaforma social.

“Chi ha fatto questo è chiaramente una bestia. Ma non ci spaventa. Siamo ogni giorno più forti, e queste dimostrazioni ci danno ancora più forza. Piena vicinanza e solidarietà a Matteo Salvini, al quale diciamo che deve stare tranquillo perché tanto l’Italia è con lui”.

La vicenda è stata commentata anche dallo stesso ministro dell’Interno, che attacca chi ha realizzato l’opera dal suo profilo Twitter.

“Salvini a testa in giù in centro a Torino. Che squallore. Quanto odio. Noi rispondiamo con idee, cuore e coraggio, so che siamo in tantissimi, vero?”.

A fine giugno un altro poster comparso sul muro di via Palermo di Milano raffigurava il ministro dell’Interno nei panni di Adolf Hitler.

L’autore del poster era lo street artist milanese Beast, famoso per i suoi fotomontaggi a tema politico.

Nel fotomontaggio il ministro Matteo Salvini è raffigurato in bianco e nero nei panni del Führer: sul braccio ha la fascia che in questo caso, al posto della svastica, porta il simbolo della Lega. L’opera di Beast è stata rimossa poco dopo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus