Me

Baobab a TPI: “Abbiamo accompagnato 34 migranti della Diciotti a Ventimiglia, nessuna intercettazione della polizia”

Andrea Costa, coordinatore dell’associazione Baobab Experience, smentisce alcune notizie circolate nelle ultime ore sulla presunta intercettazione di migranti eritrei della Diciotti da parte della polizia  a Ventimiglia

Immagine di copertina
Credit: Renato Ferrantini

“I migranti sono scesi dove volevano scendere, nessuno ha intercettato nessuno, altrimenti sembra che ci sia stata un’operazione della polizia alla frontiera in chissà quale losca manovra”.

“Era un pullman affittato dal Baobab che da Roma è andato a Ventimiglia al campo della Croce Rossa, portando 48 migranti eritrei, donne, uomini e bambini piccoli, già schedati, già fotosegnalati, aventi diritti e protezione”.

Andrea Costa, coordinatore dell’associazione Baobab Experience, smentisce a TPI alcune notizie circolate nelle ultime ore sulla presunta intercettazione di migranti eritrei della Diciotti da parte della polizia  a Ventimiglia.

Inizialmente infatti, più testate giornalistiche avevano riportato la notizia di un gruppo di 34 eritrei sbarcati dalla Diciotti e “riconosciuti dalla polizia” a Ventimiglia, nella serata del 9 settembre, mentre viaggiavano verso Campo Roja, centro gestito dalla Croce rossa da dove gli immigrati cercano di andare in Francia.

La notizia, apparentemente era trapelata da fonti vicine alle forze dell’ordine.

Ci che è vero è che i 34 migranti facevano parte di un gruppo 48 persone che viaggiavano su un pullman noleggiato dalla Baobab Experience di Roma ed erano accompagnati da 4 operatori della Baobab.

“Dal momento che erano provati dal viaggio, dalle torture, dagli sbarchi e dalla violenze abbiamo affittato un pullman”.

“I migranti, prosegue Andrea Costa, hanno forse interesse ad andare in Francia, ma noi li abbiamo portati in un campo di Ventimiglia in territorio italiano, gestito dalla Croce Rossa italiana, che vede la presenza di forze dell’ordine e percorrendo, peraltro, una delle autostrade più frequentate d’Italia, quindi nessuna cosa losca o clandestina”.

C’era una troupe televisiva a bordo, era tutto ripreso.

Già negli ultimi giorni, sempre a Ventimiglia, erano stati riconosciuti dalle forze dell’ordine 21 eritrei che erano a bordo della Diciotti, ma al momento solo tre di loro sarebbero rimasti sul posto. Gli altri si sono dileguati.

Pochi giorni fa, il Baobab aveva ricevuto la visita di quattro blindati della polizia e alcune macchine della Digos che avevano prelevato 16 migranti.

A dare la notizia del blitz erano stati proprio i volontari dell’associazione, con un post su Facebook: “Agenti in tenuta antisommossa hanno caricato di forza 16 ragazzi sul bus”, si legge.

I migranti, che erano in fila per essere visitati dallo staff di Medici senza frontiere, sono stati condotti all’ufficio immigrazione di via Patini insieme ad operatori legali e avvocati. Leggi qui l’intervista sul caso.