Me
La storia dell’italiano che ha vissuto per trent’anni da solo su un’isola
Condividi su:
solo isola
La capanna di Mauro Morandi sull'isola di Budelli. Credit: Mauro Morandi

La storia dell’italiano che ha vissuto per trent’anni da solo su un’isola

Nell'arcipelago della Maddalena, e precisamente presso le Bocche di Bonifacio, tra la Sardegna e la Corsica, si trova Budelli, un'isoletta di neanche due chilometri quadrati in cui vive un solo abitante: Mauro Morandi

09 Set. 2018
solo isola
La capanna di Mauro Morandi sull'isola di Budelli. Credit: Mauro Morandi

Potrebbe sembrare una pellicola girata sulla scia del successo del noto film Cast Away, interpretato dall’attore Tom Hanks, eppure è una storia vera: in Puglia, nel sud Italia, alla fine degli anni Ottanta, un uomo di mezza età che voleva ricominciare da zero ha lasciato la società civile in cerca di un’isola deserta dell’oceano Pacifico.

Durante la rotta, però, l’uomo si è imbattuto per caso in una piccola isola italiana, che durante l’estate si riempie di turisti, ma durante l’inverno ospita solamente un abitante: Budelli.

Mauro Morandi è un uomo italiano di 79 anni che nel 1989 decise di abbandonare la società e salpare dalla città pugliese di Gallipoli, con l’obiettivo di raggiungere la Polinesia.

Qualche giorno dopo la sua partenza, Morandi attraccò su Budelli, un’isoletta di meno di due chilometri quadrati che si trova nell’arcipelago della Maddalena, e precisamente presso le Bocche di Bonifacio, tra la Sardegna e la Corsica.

Lì decise di provare a guadagnare qualche soldo, portando i turisti in barca sulle altre isole. Al tempo, Budelli apparteneva a un privato che aveva assunto un uomo e sua moglie come guardiani dell’isola, e Morandi, dopo aver conosciuto la coppia, cominciò a desiderare di prendere il loro posto.

In effetti, la moglie del guardiano non era molto soddisfatta dello stile di vita che quel tipo di lavoro imponeva a lei e a suo marito, e così, qualche settimana dopo, Morandi ha ottenuto il lavoro: da quel momento l’uomo vive e lavora a Budelli, ed è l’unico guardiano dell’isola.

Dal 1989 Mauro Morandi vive a Budelli, rimanendo solo tutto l’inverno, e ospitando sulla sua isola i turisti durante l’estate. Solamente due volte l’anno, l’uomo era solito interrompere il suo isolamento per andare a trovare le sue figlie.

Nel 2011, però, sono iniziati i problemi: Budelli è stata messa in vendita, e nel 2013 è stata acquistata dallo Stato e resa parte di una riserva nazionale.

Attualmente Budelli appartiene al Parco Nazionale della Maddalena, e Morandi vive nel terrore che da un momento all’altro possa essere cacciato. Per questo motivo non abbandona più l’isola da due anni, rinunciando anche agli unici momenti di compagnia della sua vita.

Quando Morandi si trasferì a Budelli aveva la forte intenzione di allontanarsi dal mondo e dalle persone, infatti la sua stagione preferita è sicuramente l’inverno, momento in cui può rimanere da solo a contemplare la bellezza della “sua” isola.

La bellezza naturale e selvaggia è il punto forte di Budelli, e Morandi ha raccontato di avere i suoi migliori ricordi risalenti ai più rigidi inverno.

Per esempio quello di una tempesta nel 1991, quando il vento raggiunse un’intensità di 104 nodi, la più alta degli ultimi 200 anni, durante la quale Morandi capì che gli uomini non possono nulla contro la natura.

E, sebbene l’uomo non avesse mai avuto problemi con la sua vita solitaria, nel 2015 una società privata ha installato un WiFi per i turisti, che gli ha permesso di crearsi dei canali sui social network dove condividere la bellezza dell’isola che lo ospita.

La giornata tipo di Mauro Morandi

Durante una qualsiasi giornata invernale, Morandi si alza alle 7.30 di mattina, prende il caffè e comincia ad occuparsi delle faccende della sua sussistenza e della capanna in cui vive.

Dopo pranzo si occupa della sua attività fotografica, e gira per l’isola ammirando le meraviglie di quel paradiso naturale. Morandi, inoltre, legge molto.

Da un’isola vicina, ogni dieci giorni, un amico dell’uomo giunge a Budelli da un’isola vicina, per portargli generi alimentari e prodotti igienici, ma d’inverno le visite sono meno frequenti, e Morandi si trova a volta costretto a mangiare ortiche selvatiche o altri cibi commestibili reperibili sull’isola.

Durante l’estate, la vita di Mauro Morandi cambia radicalmente: l’uomo è impegnato a tenere lezioni e conferenze sulla natuea per i visitatori, e ad accompagnare i turisti in giro per l’isola dall’alba al tramonto.

L’isola proibita agli uomini dove possono andare in vacanze solo le donne | Tutti gli 11mila abitanti di un’isola del Pacifico hanno ricevuto ordine di evacuazione per la possibile eruzione di un vulcano

La Papua Nuova Guinea non aiuterà più i 600 profughi sull’isola di Manus | L’isola più remota al mondo | Cos’è l’isola di Guam e perché appartiene agli Stati Uniti | L’isola dei gatti in Giappone

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus