Me
La bufala Facebook per bypassare il nuovo algoritmo e i soliti 25 amici in evidenza
Condividi su:
bufala facebook

La bufala Facebook per bypassare il nuovo algoritmo e i soliti 25 amici in evidenza

Secondo una nuova catena di Sant'Antonio, il social network andrebbe a mostrare sempre i contenuti del solito ristretto gruppo di amici, ma con una procedura fantomatica si andrebbe a evitare tutto questo

09 Set. 2018
bufala facebook

Una nuova bufala Facebook si sta diffondendo molto velocemente. Dopo essere nata diverso tempo fa, anche in diverse versioni, sta raggiungendo il suo picco massimo ed è assai facile vederla comparire sulla propria bacheca.

Si riconosce perché punta sull’importanza di mettere in evidenza i contatti ai quali si tiene di più evitando che l’algoritmo di Facebook scelga per noi. Spoiler: è tutto falso, ma non ci va troppo per capirlo.

Il testo della nuova bufala Facebook – Uno dei testi più diffusi inizia dicendo che: “La tua sezione notizie mostra di recente solo i post delle stesse poche persone, circa 25, più volte lo stesso, perché Facebook ha adottato un nuovo algoritmo. Questo loro sistema sceglie le persone che possono leggere il tuo post. Tuttavia, vorrei scegliere per me, quindi, chiedo a tutti voi di farmi un favore“. Viene dunque presentata la situazione, con l’aggiornamento dei meccanismi del social network, che andrebbe a creare un “disagio”.

Si parte dunque con la “chiamata alle armi”, il messaggio continua: “Se stai leggendo questo messaggio lasciami un commento veloce, anche un “ciao” va bene, oppure un adesivo, qualsiasi cosa tu voglia, così sarai visualizzato nella mia sezione notizie. Altrimenti Facebook sceglierà chi farmi vedere, e non ho bisogno di Facebook per scegliere i miei amici. I social media riguardano la comunicazione“.

Ma come fare? Ecco il metodo: “Copia e incolla questo testo sulla tua bacheca in modo da poter godere di più interazione con tutti i tuoi contatti e bypassare il sistema“.

Quanto c’è di vero nella bufala Facebook – Naturalmente, prende una base seppur minima reale ossia i recenti cambiamenti dell’alogoritmo di Facebook. Quello e il fatto che il social network – a tutti gli effetti – non mostra esattamente tutti i post dei nostri amici ma c’è un filtro e una selezione per mettere in evidenza post rispetto ad altri.

Ma è assai diverso e più complesso il funzionamento rispetto a quanto afferma il testo che viene condiviso. Ed è altrettanto campato in aria il numero dei 25 utenti, che non ha niente a che vedere con la realtà. L’unico risultato della bufala sarà quello sia di far fare una figuraccia a chi la condivide, sia di intasare le bacheche con un messaggio disinformativo.

Come comportarsi con la nuova bufala Facebook – Il nostro suggerimento è quello non solo di non seguire questa catena di Sant’Antonio, ma anche di fare presente la sua natura a tutti i nostri contatti che la condividono. Così da evitare che la bufala continui ad espandersi.

Anche perché se questa bufala è indolore ce ne sono molte altre che invece possono aprire a tentativi di scam o phishing, come quella sui biglietti Alitalia. Cybercrimini che mettono a repentaglio la sicurezza non solo dell’utente singolo ma anche dei suoi amici. Di conseguenza, è sempre meglio informare un proprio contatto se sta diffondendo un’informazione fasulla e potenzialmente dannosa.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus