Me
Disastro di Genova, rinvio prima giornata di Serie A: Sampdoria-Fiorentina il 19 settembre alle 17, Milan-Genoa il 31 ottobre alle 20,30
Condividi su:
Rinvio Serie A
Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero ha chiesto lo stop di tutte le partite

Disastro di Genova, rinvio prima giornata di Serie A: Sampdoria-Fiorentina il 19 settembre alle 17, Milan-Genoa il 31 ottobre alle 20,30

Le date dei recuperi delle due partite verranno comunicati nei prossimi giorni

08 Set. 2018
Rinvio Serie A
Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero ha chiesto lo stop di tutte le partite

Disastro di Genova, rinvio Serie A: Sampdoria-Fiorentina il 19 settembre, Milan-Genoa il 31 ottobre

Rinviate Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa della prima giornata del campionato di calcio. Lo comunica la Lega di Serie A.

“Il Presidente della Lega Serie A – si legge in una nota – viste le richieste di rinvio delle proprie partite, programmate per domenica 19 agosto alle ore 20.30, da parte delle Società Genoa e Sampdoria, in conseguenza della tragedia che ha colpito la città di Genova, e raccolto il parere favorevole da parte delle Società Milan e Fiorentina, dispone il rinvio degli incontri Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa”.

Sempre nel comunicato si legge che “in tutte le altre partite in programma del primo turno della Serie A TIM sarà osservato prima dell’inizio un minuto di silenzio e le squadre scenderanno in campo col lutto al braccio”.

Queste le date e gli orari dei recuperi: Sampdoria-Fiorentina mercoledì 19 settembre alle ore 17 (diretta tv Sky), Milan-Genoa mercoledì 31 ottobre ore 20,30 (diretta tv Sky).

“Sto chiamando i presidenti della serie A per dire che non si deve giocare. Sono sicuro che Miccichè non farà giocare, ho sentito Agnelli e ha detto che la Juventus non gioca. Non si può giocare con i funerali” – così si era espresso il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero ai microfoni di RMC Sport in merito alla tragedia del ponte di Genova e alla cerimonia pubblica per ricordare le vittime in programma sabato annunciata oggi dal presidente del Consiglio Conte – “Prevarrà il buon senso: le partite si recuperano, i morti no”.

Il patron blucerchiato aveva ufficialmente richiesto di rinviare Sampdoria-Fiorentina, in programma domenica ore 20,30 allo stadio Ferraris di Marassi.

Anche il club viola aveva chiesto il rinvio: “La Fiorentina ritiene che, dinanzi a tragedie come quella avvenuta a Genova, tutto passi in secondo piano. Sarebbe opportuno che, in questo momento, anche il mondo del calcio si fermasse a riflettere e rispettasse in silenzio il lutto che ha colpito decine di famiglie. Il calcio è passione e divertimento ma questo è il momento del dolore e tutti dovremmo fermarci e stringerci intorno a Genova ed alle sue vittime”.

QUI TUTTI GLI ANTICIPI E I POSTICIPI DELLA SERIE A 2018 2019

In un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook ‘Fuori dal coro’ dodici gruppi organizzati dei tifosi della Fiorentina avevano annunciato il loro no alla trasferta: “Vogliamo esprimere la nostra vicinanza alle famiglie delle vittime del crollo del ponte Morandi. Il dolore per questa tragedia non richiede che si giochi una partita di calcio, pertanto non aspettiamo la decisione della Lega: domenica la tifoseria viola non presenzierà alla trasferta di Genova, a prescindere dal rinvio o meno della partita. Silenzio e rispetto”.

Niente trasferta anche per i tifosi del Genoa, impegnato a San Siro contro il Milan.

La Lega Serie A  aveva espresso “il proprio cordoglio” unendosi “al dolore delle famiglie delle vittime coinvolte nel crollo del Ponte Morandi sull’autostrada A10 di Genova. Il Coni ha disposto l’osservazione di un minuto di silenzio all’inizio di tutte le gare della 1a giornata della Serie A TIM nelle quali, su indicazione del presidente Miccichè, tutte le squadre scenderanno in campo con il lutto al braccio”.

> Qui tutto quello che c’è da sapere su come vedere la Serie A 2018 2019 in tv

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus