Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

È morto Giancarlo Galdiolo, storico difensore della Fiorentina

Immagine di copertina
Giancarlo Galdiolo

L’8 settembre 2018 si è spento Giancarlo Galdiolo, storico difensore della Fiorentina degli anni Settanta. È stato il figlio primogenito Alessandro a dare la notizia, con un post su Facebook.

Il 70enne Galdiolo viveva a Castrocaro terme. Era malato da tempo, circa 8 anni, a causa di una rara patologia degenerativa.

Nel febbraio 2017 erano stati avviati accertamenti della procura di Firenze per stabilire le cause della sua malattia. Non è la prima inchiesta aperta dalla procura di Firenze nei confronti di ex calciatori della Fiorentina, per decessi o malattie sospette.

Galdiolo era affetto da una forma di demenza frontale temporale come denunciarono nel 2010 il figlio e sua sorella Eleonora invocando un aiuto del mondo dello sport per sostenere la ricerca sulla malattia e sulla Sla.

Galdiolo era nato a Villafranca Padovana il 4 novembre 1948. All’inizio della sua carriera calcistica aveva militato nel Padova per poi passare al San Donà e all’Almas Roma. Fu nel 1970 che approda alla Fiorentina, dove gioca per 10 anni, disputando 229 partite in serie A, con 3 gol, e vincendo una coppa Italia nel 1975.

Nel 1980 passa alla Sampdoria, contribuendo al ritorno in serie A della squadra genovese.

Concluse la sua carriera di calciatore nel Forlì prima di intraprendere l’attività di allenatore del Rimini e della squadra di Castrocaro.

Era chiamato anche “il Gigante buono”.