Me
Calenda: “Se sono sparito è perché mia moglie sta male, devo pensare a lei e ai nostri tre bimbi”
Condividi su:
calenda moglie malata
Carlo Calenda. Credit: Getty Images

Calenda: “Se sono sparito è perché mia moglie sta male, devo pensare a lei e ai nostri tre bimbi”

Su Twitter l'ex ministro allo Sviluppo economico rivela che sua moglie, Violante Guidotti, affetta da leucemia, è in ospedale per essere operata

08 Set. 2018
calenda moglie malata
Carlo Calenda. Credit: Getty Images

Carlo Calenda affida a Twitter una confidenza sulla sua vita privata: la lontananza dalle uscite pubbliche è dovuta allo stato di salute di sua moglie Violante Guidotti, affetta da leucemia.

“Devo una spiegazione, ora che Ilva è chiusa, ai tanti che chiedono perché non vado alle feste dell’Unità o a incontri sul territorio – spiega in un tweet l’ex ministro dello Sviluppo economico – Mia moglie ha avuto una recidiva della leucemia ed è in ospedale per trapianto. Seguo i tre bimbi e lei e non posso allontanarmi da Roma”.

“Oh ma non è che sparisco – assicura Calenda -. Continuo a combattere per le mie idee e contro questo governo. Dopo figli e moglie e con qualche limitazione in più rimane una priorità. Adelante”, afferma l’ex ministro rispondendo a un follower su Twitter.

Calenda, conosciuto su Twitter anche per i suoi botta e risposta con follower e utenti – non ha mancato di rispondere a chi dimostrava affetto per la situazione che sta vivendo.

A un utente che evidenziava come quasi sempre dietro un grande uomo ci sia una grande donna, l’ex ministro, affettuosamente, ha risposto: “Nel mio caso davanti. Viola vale dieci me. Quando una persona sotto chemio ablativa e in isolamento totale riesce a controllare compiti e lavaggio dei denti dei figli via Skype (anche perché non si fida del marito) siamo su un altro pianeta”.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus