Me
Il nuovo attacco dell’hacker del M5s, svelati i numeri e le mail di Raggi e Taverna
Condividi su:
attacco hacker raggi taverna
Il vicepresidente del Senato Paola Taverna e il sindaco di Roma Virginia Raggi. Credit: Getty Images

Il nuovo attacco dell’hacker del M5s, svelati i numeri e le mail di Raggi e Taverna

Dopo aver pubblicato i contatti di Di Maio, Tondelli e Bonafede, Rogue0 passa alle "quote rosa" del Movimento 5 Stelle

08 Set. 2018
attacco hacker raggi taverna
Il vicepresidente del Senato Paola Taverna e il sindaco di Roma Virginia Raggi. Credit: Getty Images

Rogue0 sferra un altro colpo al Movimento 5 Stelle e, dopo aver pubblicato i contatti di Luigi Di Maio, Danilo Toninelli e Alfonso Bonafede, passa a quelli del sindaco di Roma Virginia Raggi e del vicepresidente del Senato Paola Taverna.

Come aveva già fatto negli attacchi precedenti, Rogu0 ha annunciato sul suo account Twitter la pubblicazione su una pagina web dei dati privati delle due esponenti pentastellate.

Stavolta però – come scrive il debunker David Puente sulla sua pagina Facebook – si tratta di un’altra piattaforma, 0bin.net.

“Ho dimenticato le quote rosa”, scrive ironico l’hacker in un tweet, e poi in un altro: “#ersindaco” e linka al sito web in cui trovare i nuovi dati.

Non contento di aver svelato la mail della sindaca (“Flabellina”), l’hacker è passato al suo secondo obiettivo. Poi, in un secondo momento, Rogue0 pubblica un altro cinquettio: “Sembra che vogliate anche Paola Taverna! A Paole’, che famo? Dovevi di’ a Casaleggio de fa er vaccino ar server”, scherza ancora l’hacker.


E poi ancora, prima del link al solito sito su cui pubblica le informazioni private: “A Paole’, nun me ne vole’, devi incolpa Casaleggio”.

È da circa un anno che Rogue0 tiene sotto scacco la piattaforma Rousseau del Movimento 5 Stelle. Nella notte tra il 5 e il 6 settembre, l’hacker era tornato a bucare il sito dei pentastellati e aveva rivelato i nomi di sette anonimi donatori del Movimento.

Poi, nemmeno ventiquattro ore dopo, l’hacker con un tweet annunciava la diffusione sul sito Privatebin.net dei contatti telefonici, delle mail private e delle password del vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio, del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e di tre omonimi di Di Maio.

Stavolta è toccato alle “quote rosa” del Movimento 5 Stelle, chissà domani a chi toccherà.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus