Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Direttiva Salvini, a Roma sgomberato un palazzo occupato da migranti e rom

È la prima applicazione nella capitale della nuova direttiva sugli sgomberi del Viminale. Nel palazzo, un immobile occupato a Tor Cervara, fino ai giorni scorsi abitavano 120 persone

Immagine di copertina
Credit: Giulia Pezzella

A Roma è il primo sgombero dell’era Salvini.oma sgombero salvini

L’applicazione a Roma della nuova direttiva sugli sgomberi del Viminale è partita questa mattina, venerdì 7 settembre, dall’immobile occupato in via Raffaele Costi, a Tor Cervara.

Uomini e mezzi delle forze dell’ordine, e della polizia locale del Campidoglio, sono presenti nel palazzo per notificare ai residenti il provvedimento di sgombero.

Fino ai giorni scorsi all’interno dello stabile abitavano circa 120 persone, 30 rom e le restanti per lo più provenienti da paesi africani. Una buona parte dei residenti aveva già lasciato spontaneamente nelle scorse ore la struttura occupata.

I servizi sociali del Campidoglio stanno offrendo soluzioni abitative alternative alle persone con fragilità.

Il palazzo di via Costi, inserito all’interno di una zona di capannoni industriali, era stato valutato a rischio per le precarie condizioni igienico sanitarie.

Primo sgombero-Salvini a Roma: “Ci hanno trattato come animali, senza pietà, i bambini piangevano disperati”, parla uno sfollato”, ha riferito uno sfollato intervistato da TPI il giorno dello sgombero.

“La situazione non era più sostenibile ed era diventata intollerabile a livello sanitario”, ha detto Mario De Sclavis, dirigente di Roma Capitale, al microfono di RaiNews24 a via Raffaele Costi a Roma dove è in corso lo sgombero di uno stabile occupato.

“I servizi sociali si sono già presi in carico le persone con fragilità e i bambini e sono stati predisposti alloggi per queste persone”.

Sono state identificate quaranta persone e la loro posizione è al momento al vaglio dell’ufficio immigrazione.

All’interno del palazzo durante lo sgombero sono state trovate e messe in sicurezza bombole di gas.