Me

In India l’omosessualità non è più un reato

La Corte suprema ha deciso di abolire la legge del codice penale, nota come "Sezione 37", che prevedeva prevedeva il pagamento di una multa e la reclusione fino all'ergastolo per "chiunque abbia volontariamente rapporti carnali contro l'ordine della natura"

Immagine di copertina
Credit: Afp

La Corte Suprema indiana ha depenalizzato il reato di omosessualità, una decisione lungamente attesa dalla comunità Lgbt del Paese asiatico. india gay

La Corte, la più alta istanza giuridica del secondo paese più popolato al mondo, ha abolito la legge, nota come “Sezione 377”, del codice penale che prevedeva il pagamento di una multa e la reclusione fino all’ergastolo per “chiunque abbia volontariamente rapporti carnali contro l’ordine della natura”. india gay

La legge risaliva al 1860 ed era stata introdotta dai britannici nel codice di procedura coloniale. Dopo settimane di discussione, il giudice Dipak Misra, ha definito la norma “irrazionale, indifendibile e manifestamente arbitraria”.

“Era diventata un’arma per la persecuzione della comunità Lgbt”, ha aggiunto il giudice.

La decisione arriva dopo battaglie per i diritti civili che durano da decenni ed è approdata alla Corte Suprema dopo la richiesta di alcuni cittadini e deputati che, attraverso i loro avvocati, hanno sottoscritto una petizione per l’abolizione definitiva dell’articolo di legge. india gay

Lo scorso luglio cinque giudici della Corte suprema avevano ascoltato varie persone omosessuali, tra cui varie celebrità, che denunciavano come l’articolo fosse contrario alla Costituzione. Il governo nazionalista indù di Narendra Modi, conservatore sui temi sociali, aveva scelto di non posizionarsi sul tema. india gay

Fino a oggi, anche se in India l’indipendenza è stata raggiunta nel 1947, la “Sezione 377” è stata sospesa soltanto una volta, dal 2009 al 2013, quando la Corte Suprema di New Delhi l’ha riattivata su richiesta del governo.

Immagini diffuse dalla televisione indiana hanno mostrato gli attivisti che si sono battuti per la depenalizzazione in lacrime di gioia durante la lettura della sentenza. india gay

Non esistono dati ufficiali, ma in base a una stima fatta dal governo indiano nel 2012 gli omosessuali nel paese sono più di due milioni e mezzo. india gay

L’India diventa il 124esimo paese al mondo dove i rapporti omosessuali non sono o non sono più considerati reati penali, secondo l’Associazione internazione delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessualità. india gay