Me

Il primo sgombero di Salvini a Milano: parlano le famiglie appena sfollate (VIDEO)

All’alba del 4 settembre 2018 decine di agenti hanno effettuato lo sgombero di 184 persone che vivevano in un palazzo di Alitalia a Sesto San Giovanni. Le testimonianze degli sfollati

Immagine di copertina
L'intervista di TPI agli sfollati dell'ex palazzo Alitalia di Sesto San Giovanni

Bahjia vive in Italia dal 1998, ha quattro figli piccoli e prima di conoscere il progetto “Aldo dice 26×1” ha dormito con i suoi bambini in un parco per una settimana.

Anche Morgan Mervat ha quattro figli, è in Italia da 8 anni e circa un mese fa è stata sfrattata dall’appartamento di cui pagava l’affitto regolarmente perché le è scaduto il contratto. Se non avesse conosciuto gli attivisti di “Aldo dice 26×1” ora sarebbe per strada.

Fatima Ahmer è nata in Italia, vive con il collettivo da due anni e mezzo, va a scuola e oggi è in prima linea per aiutare a fare ordine nella nuova sede del residence, la terza torre Ligresti di via Stephenson, occupata da appena un giorno.

Sono solo alcune delle persone che per problemi economici, morosità incolpevole, sfratti o semplice sfortuna si sono affidate al progetto Aldo dice 26×1.

E che, ieri 4 settembre 2018, sono state sgomberate dall’ex palazzo Alitalia a Sesto San Giovanni, lo stesso stabile in cui il collettivo era nato e che era stato scelto come sede temporanea dopo il trasferimento forzato dal palazzo di via Oglio.

Sesto San Giovanni: “Gli occupanti hanno usato i bambini come arieti, sono schifato”, il sindaco Di Stefano a TPI

Secondo le testimonianze del collettivo, poco dopo l’occupazione, si era raggiunto un accordo con l’amministrazione comunale e con la Digos, che avrebbe permesso a quasi 200 persone di restare nel palazzo di Sesto San Giovanni fino all’individuazione di una nuova sede per il progetto.

Ma all’alba di ieri decine di agenti hanno effettuato lo sgombero costringendo il collettivo a cercare un’altra sistemazione, trovata nel palazzo di via Stephenson.

Si tratta di 184 persone, di cui 84 minori, quasi tutte in graduatoria per l’assegnazione di un alloggio popolare. Ad oggi il Comune di Milano è riuscito ad assegnare un alloggio temporaneo a 40 nuclei, mentre gli altri restano in attesa.

Il video

A cura di Sara Del Dot e Giovanni Marrucci

sgomberi salvini