Me
The Ferragnez, un matrimonio blindato in stile Coachella nel cuore del Barocco siciliano di Noto: cosa c’è da aspettarsi
Condividi su:
The Ferragnez
Chiara Ferragni al Coachella festival in California

The Ferragnez, un matrimonio blindato in stile Coachella nel cuore del Barocco siciliano di Noto: cosa c’è da aspettarsi

Il 1 settembre Noto si trasforma in una Coachella barocca, per accogliere il matrimonio della coppia più social, e più blindato, d'Italia. Il commento di Lavinia Orefici

01 Set. 2018
The Ferragnez
Chiara Ferragni al Coachella festival in California

Non regali, ma opere di bene. Questa è la campagna lanciata un mese fa da Chiara Ferragni e dal suo fidanzato Federico Lucia, in arte Fedez, per la loro lista di nozze solidale.

Con un messaggio su Instagram, gli auto-ribattezzati Ferragnez, hanno spiegato al loro popolo, ai curiosi e ai giornalisti come sarebbe stata gestita l’iniziativa: un sito su cui fare le donazioni e un indirizzo mail a cui inviare le proposte di beneficienza. La coppia poi avrebbe deciso quale, secondo lei, sarebbe stata più meritevole d’aiuto.

Segui a questo link la diretta dell’evento e le ultime notizie in tempo reale sul matrimonio più atteso dell’anno

Intanto l’attesa è tutta per il matrimonio di Chiara Ferragni e Fedez, tra mille indiscrezioni, un’unica certezza: data e luogo.

Il “sì” sarà pronunciato il primo di settembre a Noto, la culla del Barocco siciliano, e il rito sarà celebrato dal sindaco, nella Dimora delle Balze, una tenuta di 27 ettari risalente al 1800, nei dintorni del paese siciliano.

Se è vero che, come ci hanno raccontato i numeri finora, tutto quello che la coppia da 20 milioni di follower su Instagram tocca diventa oro, si può prevedere un futuro gettonatissimo della struttura.

Dal 4 settembre in poi si potrà dormire nella Dimora a partire da 400 euro a notte a camera. Ne conta 12 in totale, dai 20 mq in su, tutte diverse l’una dall’altra.

Secondo le indiscrezioni sarebbe in atto un restyling totale della tenuta in vista di sabato. L’obiettivo è realizzare una sorta di Coachella hippy nel cuore del barocco siciliano, patrimonio dell’Unesco, ma la Sicilia, terra d’invasione e di dominazioni, sopravviverà anche a questa!

Al momento sull’isola sono sbarcati solo mamma e figlio, ovvero Chiara e il piccolo Leone, nato lo scorso marzo ma diventato già una star. È più spiato e commentato lui in 5 mesi di vita di tutti i “Grandi Fratelli” del mondo, con buona pace della privacy!

Al contrario il matrimonio è talmente blindato da imporre clausole penali da 15 mila euro se qualche dettaglio dovesse trapelare in anticipo. Ma niente paura ci penseranno i #Ferragnez, scritto proprio così con l’hashtag, a condividere dal loro regno del web tutti i dettagli in tempo reale.

Ci faranno sapere chi c’è e chi non c’è, commentare vestiti e capelli, immaginare (con preoccupazione!) quali nuove manie lancerà il loro matrimonio, ma soprattutto scopriremo il vestito della sposa, che come da tradizione, rimane il segreto meglio custodito di tutti.

La vestirà Dior, la maison francese guidata dalla stilista romana Maria Grazia Chiuri.

I primi ingredienti del nuovo evento oltre all’abito, sono l’hashtag, appunto, #TheFerragnez e le gif personalizzate. Cosa sono? Domanda lecita! Immagini in movimento, che in questo caso ritraggono i due sposi.

Prepariamoci quindi sabato ad assistere su Instagram all’invasione dei Ferragnez!

A festeggiare intanto è Noto, per la città questo matrimonio vale 10 milioni di euro di pubblicità.

Venerdì inizia la festa e nei 3 giorni di festeggiamenti sono attesi in città oltre 400 invitati, molti americani, personaggi noti e meno noti. Fra i primi Paris Hilton e Bianca Balti, fra gli ultimi la corte dei miracoli che segue la coppia ovunque.

Proprio gli invitati sono il tasto dolente del matrimonio. A oltre un mese dal lancio della raccolta fondi come regalo di nozze e a pochissimi giorni dall’1 settembre sono stati donati meno di 13 mila euro, su un obbiettivo di 50 mila.

Sul sito accessibile a tutti è possibile controllare come vanno le donazioni, con tanto di nomi e cifre donate.

Scorrendo si legge che il papà e la mamma di Fedez hanno versato 1.000 euro, la nonna Luciana 400, Alessandro Marina (chi è?) 1.500 e Elisa Mazzini (arichi è? e perché?) 10. In mezzo un trentina di bonifici (neanche una festa di compleanno!), dove si alternano degli anonimi da 500 euro a persone dichiarate da 10 o 100 euro.

Il flop della lista di nozze solidale non è una prima assoluta. Ad agosto dell’anno scorso i quotidiani argentini avevano sparato in prima pagina gli 11 mila dollari versati dagli inviati alle nozze di Lionel Messi per quello che sarebbe dovuto essere, per la presenza di ricchi campioni come Neymar e Suarez, ‘il matrimonio del secolo’, invece del ‘matrimonio dei miserabili’, come è subito stato ribattezzato.

Perché questa nuova via della beneficenza non funziona? Anche se idoli, le celebrities nei rispettivi campi sono poco credibili quando chiedono soldi? Hanno semplicemente invitati tirchi?

Chiara Ferragni, incredula davanti a quello che si profila un clamoroso flop personale, ha commentato che le donazioni sono state poche finora perché i suoi invitati sono ancora in vacanza. Chissà se arriveranno almeno per il matrimonio.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus