Me

Una donna statunitense è stata dichiarata “legalmente sposata” alla sua partner, anche se lei è morta mesi fa

Le due donne stavano insieme da 50 anni ma non si erano mai sposate. Un giudice ha riconosciuto che la loro unione può essere legalmente riconosciuta

Immagine di copertina
Bonnie Foerster e Beverly Grossaint.

Un giudice statunitense ha dichiarato che una donna di 74 anni di nome Bonnie Foerster e la sua partner storica Beverly Grossaint sono legalmente sposate, tre mesi dopo che Beverly era morta a 82 anni.

Il giudice dello Utah Patrick Corum ha preso questa decisione dopo aver esaminato il caso delle due donne, che stavano insieme da cinquant’anni ma non si erano mai legalmente sposate.

Infatti, anche se i matrimoni tra persone dello stesso sesso sono legali nello Utah dal 2013 e in tutti gli Stati Uniti dal 2015, le due donne non avevano potuto sposarsi a causa dei costanti problemi di salute di entrambe.

Dopo la morte della compagna, a maggio 2018, Foerster si è rivolta al giudice per ottenere il riconoscimento del matrimonio.

Nello Utah non esistono le coppie di fatto, ma lo stato consente alle coppie di chiedere il tribunale il riconoscimento del matrimonio senza una cerimonia formale.

I requisiti sono i seguenti: i due partner devono essere maggiorenni, avere la capacità legale, aver vissuto insieme, trattarsi reciprocamente come se fossero sposati e presentarsi in modo tale che anche gli altri ritengono che siano sposati.

Il 21 agosto scorso, durante il pronunciamento della sentenza, il giudice Corum è sceso dal banco, ha abbracciato la signora Foerster e le ha detto: “sì, siete sposate”, come ha raccontato lei stessa alla Bbc.

L’avvocato di Foerster, Robert Hoole, che è un amico di famiglia della coppia da oltre vent’anni, ha detto che la sentenza è insolita, anche se non è la prima di questo tipo (si tratta del secondo caso nello Utah).

Queste sentenze, tuttavia, sono ancora più rare nel caso di coppie dello stesso sesso, secondo Hoole.

Bonnie Foerster ha incontrato Beverly Grossaint per la prima volta più di 50 anni fa a New York, nel gennaio 1968.

Foerster era sfuggita a un marito violento, aveva le costole rotte e indossava occhiali da sole scuri per nascondere due occhi neri.

“Lei è venuta da me e mi ha detto: ‘togliti gli occhiali da sole, è gennaio'”, ha raccontato la signora Foerster.

A quel punto è scattato il colpo di fulmine.

“Mi sono innamorata, ho guardato nei suoi occhi blu e mi sono innamorata”, dice. “Era quella per me.”

Poco più di una settimana dopo, la coppia è andata a vivere insieme. Da quel momento le due donne non si sono più separate.

Nel 1975 si sono legate con una cerimonia a New York, anche se questa non aveva valore legale.

Con il passare degli anni, Foerster ha avuto seri problemi di salute: un cancro al seno e un cancro della cervice, la cecità causata dalla degenerazione maculare e una rara infezione alle ossa che ha provocato l’amputazione di entrambe le gambe nel 2016.

“Lei mi è stata affianco”, racconta Foerster. “Era una donna incredibile, con valori meravigliosi”.

I problemi di salute, col tempo, sono arrivati anche per la sua compagna. Nel 2016 le è stata diagnosticata un’insufficienza cardiaca cronica.

Campagna regione lazio

Anche se le due donne erano ricoverate in due diverse strutture di cura prima della morte di Grossaint, Foerster era con la sua partner quando è morta.

“Era la mia vita”, ha detto. “Era nata per me e io ero nata per lei. Ci siamo trovate. Io ci credo”.