Me
“Ero sempre ubriaco, l’Inter mi copriva”, la confessione dell’ex calciatore Adriano
Condividi su:
Adriano ubriaco inter

“Ero sempre ubriaco, l’Inter mi copriva”, la confessione dell’ex calciatore Adriano

30 Ago. 2018
Adriano ubriaco inter

L’ex attaccante di Inter e Roma Adriano Leite Ribeiro ha parlato del momento più buio della sua vita da calciatore ma non solo.

Il centravanti, che lasciò i nerazzurri nel 2009 a causa della sua precaria forma fisica, ha concesso un’intervista alla rivista brasiliana R7: “Soltanto io so quanto ho sofferto dopo la morte di mio padre, ero distrutto. E dopo è stato peggio perché mi sono isolato. Ero triste, solo, depresso: così ho cominciato a bere”.

“Bere era l’unica cosa che mi rendeva felice, bevevo di tutto: whisky, vino, vodka, birra. Soprattutto birra, tantissima. Non riuscivo a smettere e così ho dovuto lasciare l’Inter”, ha ammesso.

L’Imperatore, così era soprannominato, ha poi aggiunto: “Non sapevo come nascondere il mio disagio. Arrivavo sempre ubriaco agli allenamenti. Non volevo mostrare la mia situazione, ci tenevo a non saltare gli allenamenti. Eppure poi mi presentavo in quello stato e così lo staff mi portava a dormire in infermeria”.

“L’Inter mi copriva, diceva alla stampa che ero infortunato, che avevo problemi fisici”.

“La gente che avevo intorno era un problema – ha aggiunto -. Gli amici mi portavano alla feste con donne e alcol e non capivano che avevo bisogno d’aiuto. Tornando in Brasile ho rinunciato ai milioni, ma ho ritrovato la felicità”.

Insomma, cattive amicizie e depressione: un mix esplosivo che è costato tanto al giocatore all’epoca tra i più forti in circolazione nel suo ruolo.

Dopo l’addio all’Inter (2009) infatti la carriera di Adriano è andò a picco: prima tornò in Brasile dove lo accolse il Flamengo. Poi, dopo un anno e 32 presenze con i rossoneri, il ritorno in Italia per cercare il rilancio con la maglia della Roma. Un fallimento: cinque presenze, zero gol e ritorno in patria dove ha poi vestito le maglie del Corinthians (2011-2012, quattro presenze e un gol), del Flamengo (2012, zero presenze) e dell’Atletico Paranaense (2014, una presenza e zero gol). Infine l’avventura con il Miami United.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus