Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Vivere raccogliendo rifiuti dentro un’immensa discarica in Cambogia

Anlong Pi è la discarica di Siemreap e fino a qualche anno fa vi si poteva entrare liberamente, tanto da essere diventata un attrazione per i turisti. Il reportage fotografico

Immagine di copertina
Credit: Enzo Mistretta ed Elena Sentieri

Anlong Pi. A molti questo nome non dirà nulla ma per le 150 famiglie che ci vivono, rappresenta l’unico lavoro. Anlong Pi è la discarica di Siemreap, la cittadina cambogiana base per le visite al sito Unesco di AngKor Wat.

Le rovine di Angkor accolgono ogni anno quasi 2 milioni di turisti i quali soggiornano a Siemreap. 

Bastano questi dati per capire l’enorme quantità di immondizia che viene prodotta e che per quanto venga mal pagata la sua raccolta, 2 dollari al giorno, per molte persone rappresenta un’occasione di vita migliore di quella che avrebbero facendo altri lavori.

Il paese lo abbiamo visitato nel 2014 e nel 2016  per un progetto di tesi Unesco sui villaggi galleggianti, ed in soli 2 anni le cose sono molto migliorate: commercio, hotel di lusso per i turisti, e un gran numero di Suv per strada. È arrivata anche la fibra ottica. 

Ma non è tutto oro quello che luccica. In Cambogia la percentuale di povertà è sempre elevata e lo stato non sembra in grado di trovare dei seri sistemi per ridurla.

A Phnom Penh la grande discarica di Stung Meanchey è stata chiusa anni fa, ma scavando un po’ oltre l’apparente superficie si scopre che è solo stata spostata con divieto assoluto di entrata per i non addetti ai lavori.

La stessa cosa è successa per Anlong Pi, la discarica di Siemreap dove fino a qualche anno fa si poteva entrare liberamente e stava diventando un attrazione per i turisti.

Lo stato ne ha vietato l’ingresso. Noi siamo riusciti ad entrare grazie all’aiuto di un amico cambogiano. Nulla è cambiato rispetto agli anni passati. I bambini continuano a vivere nell’immondizia aspettando che i grossi camion dei rifiuti scarichino i loro enormi cassoni. Le persone che vi lavorano sono munite di una specie di lancia per arpionare i rifiuti e metterli in un sacco.

La vita nella discarica

A cura di Enzo Mistretta ed Elena Sentieri