Me
Di Maio: “È giusto che la magistratura indaghi ma Salvini non deve dimettersi”
Condividi su:
Di Maio Salvini intervista
Credit: Afp

Di Maio: “È giusto che la magistratura indaghi ma Salvini non deve dimettersi”

Intervistato dal quotidiano La Stampa, il vicepremier Di Maio difende il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Il leader pentastellato: "Il nostro codice etico non è stato violato, la Lega è leale"

27 Ago. 2018
Di Maio Salvini intervista
Credit: Afp

“Andiamo avanti, il nostro codice etico non è stato violato e la Lega è leale”. Il vicepremier Luigi Di Maio, intervistato dal quotidiano torinese La Stampa, difende il ministro dell’Interno Matteo Salvini, anche in materia di immigrazione.  “Tutti gli eritrei potranno presentare domanda d’asilo. Noi abbiamo sempre protetto chi scappa da una guerra”. E poi aggiunge: “L’Europa, così com’è, sparirà”.

Secondo il vicepremier “Salvini non deve dimettersi. È giusto che i pm indaghino ma stiamo difendendo l’Italia”.

Il ministro dell’Interno Salvini è indagato – assieme al suo capo di gabinetto, il prefetto Matteo Piantedosi – e dovrà rispondere di sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio. In riferimento all’indagine dei pm di Agrigento, Di Maio commenta: “L’indagine di Agrigento è un atto dovuto perché le decisioni prese a proposito della Diciotti facevano capo al Viminale. Ma le scelte del governo sono state condivise. È giusto e normale che i giudici facciano serenamente il loro lavoro”.

Il caso della nave Diciotti, secondo il leader pentastellato, “è stato un chiaro segnale al mondo per dire che l’Italia fa sul serio sulla redistribuzione dei migranti. E i giorni passati per risolvere il caso sono serviti a trovare la soluzione migliore per chi era a bordo. Persone che invece di finire in un lager come il Cara di Mineo avranno sistemazioni dignitose. Albania e Irlanda hanno dato uno schiaffo ai grandi d’Europa. E anche la Chiesa”.

Per quanto riguarda la Unione Europea, “credo che i singoli paesi si siano sempre fatti gli affari loro e che l’Italia sia sempre andata in soccorso di tutti. Ora il vento è cambiato. Le contraddizioni stanno venendo fuori. Molti governi ci attaccano chiamandoci populisti, senza rendersi conto che hanno le ore contate”

“Alle prossime elezioni europee prenderanno una batosta memorabile. Anche in Francia, Germania o Spagna i cittadini che la pensano come noi sono la maggioranza. Persone che hanno problemi profondi. A cominciare dalla povertà”, commenta il vicepremier.

“Bisogna uscire dalla retorica europeista per cui basta far parte dell’Unione per andare d’amore e d’accordo. Non significa farsi dei nemici. Ma avere a cuore i nostri interessi”.

Di Maio interviene poi anche su Orban: “Il primo ministro ungherese rappresenta una forza di destra, mentre il M5S non è né di destra né di sinistra”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus