Me
I bambini giocano troppo poco e i pediatri “prescrivono” più tempo libero
Condividi su:
bambini giocano poco
Quanto giocano i nostri bambini? Troppo poco, secondo la scienza. Credit: Getty

I bambini giocano troppo poco e i pediatri “prescrivono” più tempo libero

Uno studio scientifico dimostra come la maggior parte dei bambini abbia le giornate piene di impegni prettamente didattici: è sempre meno il tempo da dedicare all'attività ludica

22 Ago. 2018
bambini giocano poco
Quanto giocano i nostri bambini? Troppo poco, secondo la scienza. Credit: Getty

Per molti genitori, la stagione del ritorno a scuola si traduce in una folle corsa per organizzare tutte le attività dei bambini, dalle lezioni di musica a quelle del doposcuola.

Ma un nuovo rapporto dell’American Academy of Pediatrics sulle abitudini dei bambini suggerisce che faremmo meglio a individuare per i nostri bambini del tempo specifico da dedicare al gioco.

“Il gioco non è frivolo”, afferma il rapporto. Anzi, la ricerca dimostra che il gioco aiuta i bambini a sviluppare le abilità linguistiche e di funzionamento esecutivo, a imparare ad interagire con gli altri e a gestire lo stress. Oltre a capire come perseguire i propri obiettivi ignorando, tra le altre cose, le distrazioni.

Come si legge su Quartz, il rapporto avverte che genitori e scuole si stanno concentrando sui risultati scolastici a spese del gioco e raccomanda ai pediatri di tentare di invertire la tendenza, arrivando a prescrivere il gioco durante le visite mediche.

“In un momento in cui i programmi della prima infanzia prevedono sempre più l’aggiunta di componenti didattici e la sottrazione del tempo all’apprendimento ludico, i pediatri possono svolgere un ruolo importante enfatizzando il ruolo di un curriculum equilibrato che includa l’importanza dell’apprendimento ludico per la promozione dello sviluppo sano del bambino”, scrivono gli autori, guidati da Michael Yogman, presidente della commissione AAP, sugli aspetti psicosociali della salute della famiglia dei bambini.

L’importanza del gioco

È comunque un fatto ben noto che i bambini giocano sempre meno. Dal 1981 al 1997, la durata dei giochi per i bambini è diminuita del 25 per cento, secondo il rapporto.

Un sondaggio nazionale, negli Stati Uniti, di 8.950 bambini in età prescolare e genitori ha rilevato che solo il 51 per cento dei bambini esce di casa per camminare o giocare una volta al giorno insieme ai genitori. E a causa dell’aumentata pressione a scuola, il 30 per cento dei bambini della scuola materna degli Stati Uniti non ha più una pausa.

Moltissime persone sostengono che questa tendenza sia di cattivo auspicio sia per l’infanzia che per il futuro dei bambini.

A Davos, la riunione di elite di global power broker, esperti di intelligenza artificiale e CEO hanno sostenuto che il gioco libero incoraggia i bambini a sviluppare collaborazione e creatività. Competenze, queste, di cui i lavoratori avranno bisogno per mantenere un vantaggio sui robot.

E psicologi di fama internazionale, tra cui Peter Gray del Boston College, hanno affermato che le conseguenze di una mancanza di gioco potrebbero essere disastrose. L’aumento dei tassi di problemi di salute mentale negli adolescenti è una delle conseguenze più temute.

Ecco perché l’Accademia dice che è ora di rivedere il nostro modo di pensare il gioco, vedendolo non come un passatempo banale, ma come un’attività essenziale, cuore dello sviluppo sano dei bambini. Anche secondo la scienza.

I molti vantaggi del gioco

L’AAP identifica quattro tipi di gioco, osservando che cambiano man mano che i bambini crescono. Il gioco degli oggetti inizia con un bambino che mette tutto in bocca e poi usa gli oggetti come giocattoli (“Guarda mamma, sono al telefono!”, Dice un bambino con una banana).

Poi c’è il gioco fisico o locomotore, che inizia con pat-a-cake e si muove per combattere i combattimenti e negoziare il gioco libero durante la ricreazione.

“Il gioco fisico, simile al gioco visto negli animali, consente ai bambini di correre dei rischi in un ambiente relativamente sicuro, il che favorisce l’acquisizione delle abilità necessarie per la comunicazione, la negoziazione e l’equilibrio emotivo e incoraggia lo sviluppo dell’intelligenza emotiva”, scrivono gli autori del rapporto.

Il gioco all’aperto consente ai bambini di integrare molti sensi. Il corpo e la mente collaborano tra di loro. Forse è questo il motivo per cui la ricerca mostra che i paesi che in cui i bambini giocano di più, vedono un rendimento scolastico durante la crescita maggiore.

C’è anche un gioco di tipo sociale, quando i bambini assumono ruoli diversi, come quando si fingono insegnanti e parlano a un’aula piena di bambole o giocando a casa.

L’AAP cita una lista di prove a sostegno dei benefici del gioco. Prove randomizzate di gioco fisico in bambini di età compresa tra 7 e 9 anni hanno mostrato che il gioco ha potenziato l’attenzionale, la flessibilità cognitiva e il funzionamento del cervello che suggerivano un migliore controllo esecutivo.

Fingere nel gioco aiuta i bambini a costruire l’autoregolamentazione perché i bambini devono collaborare su come funzionerà il mondo immaginario in cui lavorano, migliorando così la loro capacità di ragionare su eventi ipotetici.

Il gioco è anche particolarmente importante per i bambini esposti ad alti livelli di stress. “La gioia reciproca, la comunicazione condivisa e la sintonizzazione (interazione armoniosa di servizio e ritorno) che genitori e bambini possono sperimentare durante il gioco regolano la risposta allo stress del corpo”, afferma il rapporto.

Mentre gli autori del rapporto temono che il focus dei genitori sui risultati raggiunti si perda giocando, attribuiscono il problema alle pressioni sociali piuttosto che alle cattive intenzioni.

I genitori, spinti anche dalla competizione, non hanno fatto altro che continuare a riempire le giornate dei figli con cose da fare. “Di conseguenza, nella giornata è rimasto poco tempo per il gioco dei bambini, per la lettura da parte dei genitori ai bambini o per i pasti in famiglia”, si legge nello studio.

Per cambiare questo, l’AAP raccomanda che le scuole dell’infanzia incoraggino l’apprendimento ludico, sia per favorire rapporti più stretti tra chi si prende cura dei bambini e i piccoli, sia per promuovere le capacità di funzionamento esecutivo.

Suggerisce anche che i medici non solo incoraggino i genitori a fare in modo che i bambini abbiano più tempo libero, ma anche che i bambini prendano il controllo dei loro giochi: per esempio, se un bambino sta facendo un puzzle, va bene suggerire un pezzo di puzzle che potrebbe adattarsi, ma non fare il puzzle te stesso.

Certamente, “programmare” il gioco libero è più facile a dirsi che a farsi. Per molti genitori, è logisticamente impegnativo. È molto più difficile che prenotare un posto in un doposcuola, ma sarà bene provarci.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus