Me
Due detenuti sono evasi dal carcere di San Marino: ricerche anche in Italia
Condividi su:
San Marino evasi carcere
Le foto segnaletiche dei due evasi

Due detenuti sono evasi dal carcere di San Marino: ricerche anche in Italia

21 Ago. 2018
San Marino evasi carcere
Le foto segnaletiche dei due evasi

Domenica 19 agosto, intorno alle ore 14,30, due detenuti sono evasi dal carcere dei Cappuccini di San Marino e ora sono ricercati nel Riminese e nel Pesarese.

I due, dopo una una colluttazione con una delle due guardie in servizio, al momento ricoverata in ospedale ma non in gravi condizioni, sono riusciti a scappare dal carcere.

La Gendarmeria ha diramato le foto dei due detenuti. Si tratta di Achille Lia, un italiano di 50 anni, e di Albano Hametovic, un 32enne della Bosnia-Erzegovina.

I due erano in carcere per l’espiazione di condanne rispettivamente a 12 mesi (di cui 6 già espiati) per l’italiano e 18 mesi per il bosniaco, entrambi per reati di furto.

Nelle ricerche oltre all’impiego del personale dei tre corpi di polizia della Repubblica sanmarinese, con il personale già operativo e quello richiamato in servizio, sono stati attivati tutti i canali di collaborazione con l’Italia, tanto da avere ricevuto anche la disponibilità di sorvolo da parte di un elicottero di polizia. Diversi poi i posti di blocco nella zona.

La fuga, secondo le ricostruzioni, è avvenuta durante l’ora d’aria. I due reclusi hanno aggredito e picchiato il gendarme che era di turno con un’ausiliaria – una donna guardia volontaria che non sarebbe riuscita a opporre resistenza – ma non è chiaro come o chi abbia aperto le porte del carcere.

Successivamente il gendarme ha tentato di inseguire i due fuggitivi riuscendo a trattenerne per un braccio uno, che si è però liberato con uno strattone.

La Gendarmeria ha poi riferito che ci sono state segnalazioni di avvistamenti e che ritiene che i due si muovano a piedi, visto che – ad ora – non risultano segnalazioni di furti di mezzi. I due non sarebbero armati.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus