Me
La replica del settimanale Io Spio a Emma: “Sfuriata eccessiva. Hai la coda di paglia?”
Condividi su:
emma replica lesbica
La cantante Emma Marrone. Credit: Instagram/Emma Marrone

La replica del settimanale Io Spio a Emma: “Sfuriata eccessiva. Hai la coda di paglia?”

La cantante aveva risposto alla copertina del settimanale che alludeva alla sua presunta omosessualità

20 Ago. 2018
emma replica lesbica
La cantante Emma Marrone. Credit: Instagram/Emma Marrone

“Non capiamo quindi questa tua sfuriata, che ci sembra eccessiva e del tutto staccata dalla realtà”. Così in un comunicato il settimanale Io Spio replica alle parole dure della cantante Emma Marrone.

In un lungo post pubblicato sul sul profilo Instagram, infatti, la cantante inveiva contro il titolo sensazionalistico del settimanale di gossip che alludeva alla sua omosessualità.

“Noi non siamo contro di te – si legge nella nota di Io Spio – che per noi sei un personaggio caro ma esattamente come tutti gli altri, né tantomeno contro l’omosessualità: tu sai benissimo che da anni quello – giusto o sbagliato che sia – è un rumor che circola e che ti riguarda”.

“Giusto quindi che noi, che di mestiere facciamo gossip, siamo andati ad approfondire, riportando le tue parole fedelmente, senza giungere ad alcuna conclusione, senza offendere, e prendendo per buono quello che tu hai dichiarato”, continua ancora il comunicato.

“Non capiamo quindi questa tua sfuriata, che ci sembra eccessiva e del tutto staccata dalla realtà – risponde il settimanale – Nessuno ha detto che tu sei lesbica, anzi abbiamo fedelmente riportato le tue smentite. Non ti abbiamo offesa”.

“Non ci sembra che sia così, non c’è una parola, una frase, un accenno che sia contro l’omosessualità nel nostro articolo. Nessuno in redazione ha nulla contro i gay, sotto alcun punto di vista”, si difende ancora il settimanale.

“Ma il fatto che tu rispondi con tanta veemenza ad un’accusa che è solo nella tua testa, ci fa pensare che sia tu ad avere problemi in questo senso. Fatti tu una domanda: se reagisci così a una semplice ipotesi, non è che sei tu ad avere la coda di paglia?”, concludono dal settimanale.

Emma Marrone nel post su Instagram aveva risposto a Io Spio, pubblicando la foto della copertina titolata “Emma lesbica? Tutta la verità”, affermando: “La verità è che questo paese sta tornando nel Medioevo e l’omosessualità sta diventando un problema da “combattere”.

“Con questo titolo – continuava Emma nel post – avete evidenziato il marciume di questa società ipocrita e razzista”.

E concludeva: “E adesso andate a guardarvi allo specchio e vergognatevi”, concludeva la cantante sul social network.

“Emma lesbica? tutta la verità!” Adesso ve la dico io la verità. La verità è che fate schifo,molto schifo! La verità è che questo paese sta tornando nel Medioevo e l’omosessualità sta diventando un problema da “combattere”. Con questo titolo da quattro soldi frutto di un “giornalismo” alla deriva non state ferendo me,che ho le spalle larghe e le vostre cazzate me le metto in tasca da 10 anni. Con questo titolo avete offeso la vostra dignità in primis e poi quella degli altri. Con questo titolo avete evidenziato il marciume di questa società ipocrita e razzista. Non aggiungo altro perché vi commentate da soli. Un bacio a tutti gli amici “omosessuali”. Sentitevi liberi sempre e senza nessuna riserva di vivere la vostra vita,i vostri sentimenti e la vostra libertà. Viva l’amore senza pregiudizio. Con i vostri giornali accendiamo il fuoco dell’amore. E adesso andate a guardarvi allo specchio e vergognatevi.

Un post condiviso da Emma Marrone (@real_brown) in data:


Tanti i messaggi di solidarietà arrivati a Emma. Hanno espresso la loro vicinanza alla cantante colleghi e amci come Giorgia, Virginia Raffaele, Stash dei The Colors, Gianni Sperti, Andrea Delogu, Emis Killa, Noemi, Enrico Nigiotti, Christian Vieri, Loredana Bertè, Anna Tatangelo e Levante.

L’amica Alessandra Amoroso ha scritto: “Evviva l’amore di ogni colore e sfumatura. E per chi non la pensasse così, beh… Cavoli vostri ma non rompete le palle a chi semplicemente VIVE amando LA VITA! Futtitende amo’ come hai e abbiamo sempre fatto! Ciao camionista! La tua piagnona!”.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus