Me

“Genitori, state attenti. Così è morta nostra figlia”, l’appello di Morgan, moglie del campione di sci Bode Miller

Emeline Miller è morta annegata in piscina il 10 giugno ad appena 19 mesi. I genitori hanno voluto lanciare un appello per evitare che altri bambini muoiano allo stesso modo

Immagine di copertina
Foto da Instagram

“Vorrei poter avere un altro giorno per stringerti, ma finché non arriverà quel giorno, continua a lavorare attraverso me e dammi la forza di diffondere la consapevolezza, amore mio”.

Con queste parole Morgan Miller, pallavolista e modella, si rivolge su Instagram a Emeline, la figlia di 19 mesi morta lo scorso 10 giugno dopo essere caduta e annegata nella piscina del vicino di casa.

La moglie dell’ex sciatore americano Bode Miller, ha pubblicato sui social una foto straziante della figlia moribonda, poco prima che i medici ne pronunciassero il decesso.

Si vede la piccola Emeline tra le sue braccia, intubata, mentre cercavano senza successo di rianimarla.

Morgan Miller ha voluto condividere anche un appello a tutti i genitori, per metterli in guardia sul rischio di annegamento, che è una tra le principali cause di morte nei bambini tra 1 e 4 anni, secondo il Center for Disease Control and Prevention.

“Genitori, nonni, fratelli, zie e zii, TUTTI …. Per favore non affidatevi allo stimolante visivo dell’acqua per creare la vostra consapevolezza/senso di urgenza. Bisogna capire che quasi il 70 per cento degli annegamenti si verificano quando non vi aspettate che il vostro bambino sia vicino all’acqua. Quando pensate che sia nella stanza dei giochi o sul divano a guardare la tv”, scrive Morgan in un altro post su Instagram.

“Siate sempre consapevoli dell’acqua e posizionate il maggior numero possibile di barriere tra il vostro bambino e quei corpi idrici (serrature, allarmi per porte, recinzioni per piscine). Nessuno di noi è immune a questa statistica che cambia la vita in modo devastante. Può accadere così velocemente e cambiare per sempre il vostro mondo”.

I often find myself wanting to reach into videos and pictures and just pull you out. Searching for ways to bring you back so our family is whole again. So our hearts are whole again. We miss you so much, my love. …….. Parents, Grandparents, Siblings, Aunts and Uncles, EVERYONE….Please don’t rely on the visual stimulant of water to create your awareness/sense of urgency. Understand that almost 70% of drownings occur when your children are not expected to be near the water. When you think they are in the playroom or on the sofa watching tv. Always be aware of water and place as many barriers between your child and those bodies of water as possible (locks, door alarms, pool fences). None of us are immune to this devastatingly life changing statistic. It can happen so fast and forever change your world. #drowningprevention #helpspreadawareness #knowledgeispower #stopdrowningnow

Un post condiviso da Morgan Miller (@morganebeck) in data:

Un appello simile è stato lanciato di recente dalla German Lifeguard Association, l’associazione di bagnini tedesca, preoccupata per il crescente numero di incidenti ai bambini in piscina causati dalla disattenzione di genitori e nonni, troppo presi dallo smartphone.

Emeline Miller è annegata in una piscina a Cota de Caza, a sud di Los Angeles, in California, il 10 giugno scorso.

Quando è successa la tragedia, Morgan ed Emeline si trovavano insieme a casa dei vicini, come la madre ha raccontato alla rete televisiva Nbc.

“Andiamo spesso da loro, sono come parte della famiglia e passiamo molto tempo insieme”, ha detto.

Lei stava sorseggiando del tè insieme ai vicini mentre i bambini giocavano lì intorno.

“A un certo punto tutto intorno era troppo tranquillo. Nel bel mezzo della conversazione, mi sono alzata in piedi e sono andata dritta dove stavano giocando i ragazzi e ho detto ‘dov’è Emmy?’”, ha raccontato la donna.

Campagna regione lazio

Quando ha visto il corpo della piccola galleggiare in piscina era troppo tardi.

Morgan ha preso la figlia e l’ha portata fuori dall’acqua. Ha chiamato il 911 e l’ambulanza ha portato la bambina di corsa in ospedale.

“Il dottore ha detto che il cervello era rimasto senza ossigeno per troppo tempo”, ha raccontato Bode.

“Non passa giorno in cui non preghi di tornare a quel momento e cambiarlo, ma adesso abbiamo l’opportunità di rendere diversi i giorni di tanti genitori”, ha detto commossa la moglie del campione.

“Abbiamo la chance di vivere i nostri giorni con uno scopo e fare in modo che altri genitori non vivano quello che stiamo vivendo noi”, ha aggiunto la donna.

Morgan e Bode Miller hanno un altro figlio e la donna è incinta del terzo figlio, che nascerà in ottobre.