Me

Genova, salvo dopo un volo di 40 metri. La compagna: “Ha resistito per veder nascere suo figlio”

Un uomo di 29 anni è stato salvato dai vigili del fuoco dopo essere rimasto aggrappato alla sua auto. La compagna incinta: "È un miracolo"

Immagine di copertina

Gianluca Ardini, commerciante genovese di 29 anni, è tra i sopravvissuti del crollo del ponte Morandi.

Dopo un volo di circa 40 metri, si è salvato restando aggrappato alla sua auto con tutte le sue forze. Soccorso dai vigili del fuoco, se l’è cavata con una spalla lussata.

La sua compagna, Giulia Organo, compie 28 anni tra pochi giorni ed è incinta di 8 mesi.

“È un miracolo, non riesco a trovare un’altra parola”, ha detto al giornale online Genova 24. “È rimasto appeso, non riusciamo a capire ancora come, a oltre 20 metri di altezza, è caduto giù per una quarantina, con il furgone, e forse è rimasto incastrato tra le macerie, neppure lui riesce a ricordare perfettamente”.

“Gianluca è rimasto aggrappato io credo anche per la volontà di vedere nascere suo figlio”, ha aggiunto Giulia.

“Mentre si trovava appeso sono arrivati i pompieri, gli hanno detto di restare immobile, perché qualsiasi movimento avrebbe potuto scatenare un nuovo crollo, e poi lo hanno tirato giù. Purtroppo il suo collega non ce l’ha fatta”.

Qui il video del salvataggio:

Le vittime accertate finora dell’incidente sono 38, tra cui tre bambini di 8, 12 e 13 anni. I feriti invece sono 15 feriti, di cui 5 in codice rosso.

Sabato 19 agosto, giorno dei funerali di Stato, sarà lutto nazionale.

Il procuratore capo di Genova ha annunciato l’apertura di un’inchiesta per omicidio plurimo e disastro colposo.

Leggi anche: “Ho visto le persone e le macchine che cadevano dal ponte”

Guarda anche: I video del crollo del ponte Morandi a Genova