Me
Il video del cane soccorritore caricato sulle spalle di un vigile del fuoco per scavare tra le macerie del ponte Morandi
Condividi su:
cane soccorritore
Un cane dell'unità cinofila viene issato sulle spalle di un vigile del fuoco per cercare superstiti tra i detriti. Credit: Twitter/Stefano Venturi

Il video del cane soccorritore caricato sulle spalle di un vigile del fuoco per scavare tra le macerie del ponte Morandi

Sono circa trenta i cani impegnati nelle operazioni di soccorso tra le macerie di ponte Morandi a Genova. Nel video un golden retriever viene issato sulle spalle di un soccorritore per essere calato tra le macerie

17 Ago. 2018
cane soccorritore
Un cane dell'unità cinofila viene issato sulle spalle di un vigile del fuoco per cercare superstiti tra i detriti. Credit: Twitter/Stefano Venturi

Quale è il primo passo per scavare tra le macerie nella speranza di trovare i dispersi di un dramma come quello di ponte Morandi a Genova? Non tocca ai Vigili del Fuoco né ai soccorritori o all’Esercito farlo. Sono i cani dell’unità cinofila ad attivare la macchina delle ricerche.

Il cane, infatti, fiuta tra i detriti e individua superstiti e dispersi. Sono trenta gli animali impegnati nelle operazioni di ricerca sotto il ponte crollato a Genova lo scorso 14 agosto.

È impressionante e commovente allo stesso tempo la dedizione incondizionata dei cani che si muovono veloci tra lamiere e macerie nella ricerca forsennata di persone ancora vive e di corpi.

Arrivano dal Piemonte e dal Veneto, dalle Marche, dal Lazio e dall’Umbria. Alcuni di loro sono stati impegnati già nelle zone più colpite dal sisma nel Centro Italia del 2016.

Sono circa trenta, tra labrador, golden retriever e border collie. Tanti i video che stanno girando sui social network e che ritraggono i cani soccorritori anche in situazioni particolarmente pericolose.

Commovente è stato il video del golden retriever che viene caricato sulle spalle di uno dei soccorritori per calarsi tra le macerie. Il cane, docile, si lascia mettere le imbracature e, con la pettorina arancione, viene issato sulle spalle del vigile del fuoco.

Cani esperti, con alle spalle anni di addestramento con istruttori che insegnano loro a comprendere, stimolare e indirizzare bene il lavoro dell’animale. In perfetta sintonia con l’uomo – “conduttore”, in gergo – il cane diventa essenziale per le sue capacità olfattive infallibili.

Per questo, tra le macerie e i detriti del ponte Morandi di Genova come nelle zone terremotate del centro Italia, i cani si fanno motore delle ricerche. Prima arriva il naso del cane, poi le mani degli operatori e le macchine che scavano.

Ecco il video del golden retriever issato sulle spalle del soccorritore e calato tra le macerie.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus