Me

È morta Rita Borsellino: aveva 73 anni

Simbolo della lotta alla mafia, si è spenta a Palermo dopo una lunga malattia

Immagine di copertina
Rita Borsellino

È morta Rita Borsellino, ex europarlamentare e sorella di Paolo Borsellino, magistrato antimafia ucciso da Cosa Nostra nel 1992.

Aveva 73 anni. Si è spenta dopo una lunga malattia: il decesso è avvenuto in ospedale a Palermo mercoledì 15 agosto 2018.

Rita Borsellino è stata europarlamentare del Partito democratico dal 2009 al 2014.

Era nata a Palermo il 2 giugno 1945 e in seguito all’assassinio del fratello era diventata uno dei simboli della lotta alla mafia.

In famiglia erano quattro fratelli: lei, Agata, Paolo e Salvatore. Rita era la più piccola.

Dopo aver svolto per anni l’attività di farmacista, nel 1995 fu nominata vicepresidente di Libera, l’associazione fondata da Don Ciotti impegnata nel contrasto alle mafie.

Nel 2005 il debutto in politica, con la partecipazione alle elezioni primarie del centrosinistra per la candidatura alla presidenza della Regione Sicilia. Borsellino ebbe la meglio sullo sfidante, Ferdinando Lettieri, e alle elezioni regionali dell’anno successivo corse per la presidenza, venendo però sconfitta da Salvatore Cuffaro.

Alle elezioni politiche del 2008 si candidò al Senato nella lista della Sinistra Arcobaleno, ma risultò non eletta.

Fu invece eletta alle elezioni europee dell’anno successivo, a cui si presentò sostenuta dal Partito democratico.

Nel 2012 Rita Borsellino perse di misura, a vantaggio di Fabrizio Ferrandelli, le primarie del centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Palermo in vista delle elezioni comunali.

I messaggi di cordoglio per la morte di Rita Borsellino

L’ex presidente del Senato Pietro Grasso su Twitter scrive: “Cara Rita, abbraccia Paolo e Agnese, e rassicurali: non ci fermeremo mai”.

E sottolinea: “Ha dedicato la sua vita alla ricerca della verita’ e all’educazione civica dei piu’ giovani. Ha rappresentato un punto fermo per migliaia di cittadini con eleganza, tenacia, passione”.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dichiarato: “Ho appreso con grande tristezza la notizia della scomparsa di Rita Borsellino, alla quale mi legavano sentimenti di vera amicizia e di condivisione”.

“Con coraggio e determinazione, ha raccolto l’insegnamento del fratello Paolo, diventando testimone autorevole e autentica dell’antimafia e punto di riferimento per legalità e impegno per migliaia di giovani”, aggiunge.

“Al suoi familiari esprimo la mia vicinanza e la più grande solidarietà'”, conclude Mattarella.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando esprime “Grandissimo dolore”e aggiunge “con la sua dolce determinazione ha combattuto tante battaglie non solo di legalità e civiltà nella nostra Isola e nel nostro Paese”.

“Rita – continua il sindaco – ha saputo trasformare la tragedia e la violenza che hanno colpito la sua famiglia in impegno civile; un impegno che ha contribuito a trasformare Palermo e che rimarrà scolpito nella storia e nella memoria di questa città. In questo momento triste sono vicino alla sua straordinaria famiglia, cui va un caloroso abbraccio”.