Me
Una mamma no vax si è vantata sui social di aver falsificato il certificato vaccinale della figlia: denunciata
Condividi su:
mamma no vax falso certificato

Una mamma no vax si è vantata sui social di aver falsificato il certificato vaccinale della figlia: denunciata

12 Ago. 2018
mamma no vax falso certificato

Una mamma no vax si è vantata pubblicamente sui social network di aver ingannato per un anno i dirigenti della scuola materna a cui era iscritta la sua bambina presentando falsi certificati vaccinali.

A denunciare il fatto è stata la pagina Facebook ‘No alle pseudoscienze’.

“Ti è rimasto un foglio mandato dalla Asl con su le vaccinazioni che devi fare?? Ecco, io ho fatto così: l’ho preso, scannerizzato, cambiato data, fotocopiato e portato alla materna. Fine!”, spiegava via Facebook a un’altra mamma, garantendo che “io mi sono fatta furba così ed è andato tutto bene”.

mamma no vax falso certificato

Lo screenshot della conversazione

Ora però, dopo che la vicenda ha fatto scalpore in tutta Italia, la scuola materna in questione – la paritaria Maria Bambina di Esine, nel Bresciano – ha deciso di sporgere denuncia.

“La vicenda risale allo scorso anno scolastico: c’erano 70 bambini iscritti e la figlia della signora era l’unica a non avere le certificazioni”.

“La madre continuava a temporeggiare, sostenendo di aver fatto richiesta alla Asl per avere il documento. E d’altra parte la normativa non era chiara – ha spiegato Alberto Erculiani, che presiede il consiglio d’amministrazione della scuola dallo scorso maggio -. Dopo che lo screenshot del dialogo tra le mamme no vax ha iniziato a circolare in rete abbiamo ricevuto moltissime segnalazioni da tutta Italia”.

“Ci siamo presi qualche giorno di tempo per decidere come procedere, chiudendo anche temporaneamente la pagina scolastica per non essere travolti dalle richieste di informazioni e dal dibattito tra pro e anti vax – ha proseguito Erculiani -. Ora abbiamo sporto denuncia ai carabinieri perché ovviamente in questa vicenda noi siamo la parte lesa e vogliamo rimarcare con chiarezza la distanza delle nostre posizioni da quelle della signora. La nostra priorità è tutelare i bambini iscritti”.

Un caso che è arrivato anche in Regione Lombardia: “Presenterò un’interrogazione urgente all’assessore al Welfare Giulio Gallera perché sia fatta la massima chiarezza”, ha annunciato la consigliera Viviana Beccalossi.

“Sono certa che chi dovrà indagare sul caso saprà fare piena luce, ma è necessario capire se si tratta di episodi isolati, a tutela della salute di tutti i bambini, che non può essere preda di comportamenti irresponsabili”.

Secondo Beccalossi, l’episodio dimostra “che affidarsi all’autocertificazione da parte dei genitori, peraltro senza controlli, sia davvero una follia, oltre che un vero pericolo per i bambini, specie per quelli con problemi immunitari”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus