Me
Ecco i nomi e i cognomi dei braccianti morti a Foggia, il più giovane aveva 21 anni
Condividi su:
Credit: AFP PHOTO / CONTROLUCE / -

Ecco i nomi e i cognomi dei braccianti morti a Foggia, il più giovane aveva 21 anni

Sono stati identificati tutti i 12 braccianti extracomunitari morti nell'impatto tra un tir e un furgone che trasportava i migranti di ritorno da una giornata di lavoro nei campi

17 Ott. 2018
Credit: AFP PHOTO / CONTROLUCE / -

Lunedì 6 agosto, sulla SS 16 tra Foggia ed Apricena, 12 braccianti sono morti in un violento scontro tra un tir e un furgone che trasportava i migranti di ritorno da una giornata di lavoro nei campi.

I vigili del fuoco e i soccorritori hanno estratto vittime e feriti da un groviglio di lamiere e i feriti sono stati trasportati con le ambulanze negli ospedali di Foggia e San Severo.

Il procuratore di Foggia Ludovico Vaccaro che sta indagando sull’incidente ha descritto la scena a TPI raccontando come “i volti di queste persone trasudassero fatica, stanchezza. Era gente che aveva lavorato ore sotto il sole ed era morta in quelle condizioni”.

Grazie alle impronte digitali ed alla banca dati Afis – Acronimo di Automated fingerprint identification system, un sistema automatico di riconoscimento delle impronte in grado di codificare le cosiddette “minutiae”, vale a dire i punti caratteristici di ogni impronta – sono stati identificati tutti i 12 braccianti extracomunitari morti nell’impatto.

Joseph Isaac Ismel Awuku 24 anni, del Ghana

Ebere Ujunwa, 21 anni, della Nigeria

Bafoudi Cammara, 22 anni, della Guinea

Alagie Ceesay, 24 anni, del Gambia

Alasanna Darboe, 28 anni, del Gambia

Eric Kwarteng, 32 anni, del Ghana

Romanus Mbeke, 28 anni, della Nigeria

Dioumana Djire, 36 anni, del Mali

Lhassan Goultaine, 39 anni, originario del Marocco

Anane Kwase 34 anni, del Ghana

Moussa Toure, 21 anni, del Mali

Lahcen Haddouch, 41 anni, del Marocco.

Attualmente i corpi sono negli obitori di diversi ospedali del foggiano e di Termoli e di strutture cimiteriali sempre nel Foggiano.

Nel pomeriggio di sabato 4 agosto un incidente simile era avvenuto sulla strada provinciale 105, tra Castelluccio dei Sauri e Ascoli Satriano: 4 braccianti agricoli africani hanno perso la vita nello scontro tra l’automezzo sul quale viaggiavano e un autoarticolato carico di pomodori.

Si sta indagando per caporalato e per capire se l’incidente stradale sia avvenuto in un contesto di degrado delle condizioni di lavoro.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus