Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Scandalo Trenord, la capotreno autrice dell’annuncio razzista: “Avevo davanti un rom. Pensavo il microfono fosse spento”

L'autrice dell'annuncio razzista diffuso a bordo del convoglio sulla tratta Milano-Cremona si è scusata e ha spiegato l'accaduto

Immagine di copertina

“In quel preciso momento, davanti a me c’era un rom che si rifiutava di scendere. Io non mi sono davvero accorta che il microfono fosse acceso. So bene che non si dicono certe cose e mi scuso”.

Queste le parole della capotreno, dipendente di Trenord, la società del trasporto ferroviario lombardo, autrice dell’annuncio shock diffuso a bordo del convoglio che viaggiava sulla tratta Milano-Cremona, raccolte da il Corriere, al quale la donna spiega l’accaduto.

La dipendente, di cui non è stato reso noto il nome, aveva utilizzato gli altoparlanti di bordo per lanciare un messaggio ascoltato (e poi segnalato) dai viaggiatori con parole razziste: “I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E agli zingari: scendete alla prossima fermata perché avete rotto i c…”.

È successo all’altezza della stazione di Lodi. Su quel treno, fin dalla partenza, un passeggero camminava di vagone in vagone lasciando sui sedili un biglietto con la richiesta di aiutare lui e la sua famiglia.

L’azienda ha definito il gesto “grave e inqualificabile” e ha ringraziato “il cliente per la segnalazione”.

In difesa della capotreno si è invece schierato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

“Invece di preoccuparsi per le aggressioni a passeggeri, controllori e capitreno, qualcuno si preoccupa dei messaggi contro i molestatori. Giù le mani dalla capotreno”, è il messaggio del ministro diffuso via Facebook.

Un altro capotreno, intervistato giovedì alla stazione di Cremona, ha detto: “Conosco, anche se non benissimo, la collega. Ha quindici anni di servizio e un curriculum di rispetto. Il suo comportamento non è giustificabile ma allo stesso tempo la capisco: su tutte le linee, e in particolare proprio sulla Milano-Cremona-Mantova, la situazione che dobbiamo affrontare è sempre più pesante”.

In un primo momento, Trenord aveva sollevato la possibilità di una manomissione degli altoparlanti.

“Il dispositivo da cui si lanciano quel tipo di avvisi non è in cabina e, attraverso una manomissione, può essere accessibile anche ai passeggeri”, si legge in una nota ufficiale diffusa in un primo momento.

A denunciare via Facebook l’accaduto è stato Raffaele Ariano, ricercatore dell’Università Vita-Salute San Raffaele.

“Si tratta di un linguaggio offensivo e discriminatorio, inaccettabile sulla bocca di un pubblico ufficiale in servizio e nel contesto di una azienda di trasporti finanziata coi soldi dei contribuenti. Credo che Trenord dovrebbe dissociarsi e chiedere scusa pubblicamente per l’accaduto”, ha dichiarato il ricercatore.

Per la sua denuncia pubblica, Ariano è stato insultato e minacciato su Facebook.