Me
La storia di Ylenia Carrisi, la figlia di Al Bano e Romina Power scomparsa 25 anni fa | Ultime notizie
Condividi su:
storia ylenia carrisi
Ylenia Carrisi con il padre Al Bano e la madre Romina Power

La storia di Ylenia Carrisi, la figlia di Al Bano e Romina Power scomparsa 25 anni fa | Ultime notizie

Un agente della polizia di New Orleans ha rivelato che Ylenia potrebbe essere viva. Sarebbe la svolta clamorosa di un mistero che dura da 25 anni

06 Ago. 2018
storia ylenia carrisi
Ylenia Carrisi con il padre Al Bano e la madre Romina Power

Storia Ylenia Carrisi | Ultime notizie

Potrebbe clamorosamente riaprirsi il caso della scomparsa di Ylenia Carrisi, la figlia di Al Bano e Romina Power di cui si persero le tracce la notte di capodanno del 1993 a New Orleans, negli Stati Uniti.

25 anni di mistero, e ora la dichiarazione di un poliziotto che riaccende le speranze. “Ylenia Carrisi è viva. Abbiamo nuovi indizi su dove si trovi ma non possiamo fornire ulteriori dettagli, visto che l’indagine è ancora in corso”, avrebbe detto l’agente della polizia di New Orleans alla rivista tedesca Frau Aktuell.

Indiscrezioni e piste che ovviamente andranno valutate con estrema accuratezza. La scomparsa di Ylenia Carrisi resta al momento uno dei più grandi misteri italiani.

Ecco una ricostruzione dettagliata della vicenda.

Ylenia Carrisi: la storia

Ylenia Carrisi nacque a Roma il 29 novembre 1970: fu la prima figlia di Al Bano e Romina, due tra i più popolari cantanti della musica leggera italiana.

Suo nonno materno era il celebre attore statunitense Tyrone Power.

Durante l’adolescenza la ragazza ebbe alcune esperienze nel mondo dello spettacolo, tra cui si ricorda quella come valletta nel 1989 nella prima edizione del programma televisivo La Ruota della Fortuna, condotto da Mike Bongiorno.

Agli inizi degli anni Novanta Ylenia comunicò ai genitori di voler girare il mondo in solitaria. Cominciò a viaggiare principalmente tra il Sud America, il Belize e New Orleans, attratta in particolare dalle storie degli artisti di strada.

Nella città della Louisiana conobbe il trombettista Alexander Masakela, più grande di lei di una ventina d’anni e con precedenti di abusi sessuali e droga. I due iniziarono una relazione sentimentale.

Secondo Al Bano, l’uomo plagiò la ragazza e la portò sulla via della perdizione, allontanandola dalla famiglia.

Nei giorni a ridosso del capodanno tra il 1993 e il 1994 Ylenia Carrisi alloggiava con Masakela al LeDale Hotel di New Orleans.

La sera del 31 dicembre, quando in Italia era già il primo gennaio, la ragazza ebbe una conversazione telefonica con la madre, mentre il giorno prima aveva litigato con il padre, contrariato dal fatto che la figlia si trovasse ancora in compagnia di Masakela.

Quello fu l’ultimo contatto tra Ylenia e la sua famiglia.

Il 6 gennaio 1994, secondo la proprietaria dell’albergo, Cindee Dale, la giovane uscì verso mezzogiorno lasciando in stanza i suoi effetti personali. Da allora di lei non si è più saputo nulla.

Masakela rimase invece nell’hotel fino al 14 gennaio, quando mostrò al personale dell’hotel il passaporto della Carrisi e tentò di saldare il conto della stanza utilizzando gli assegni turistici della ragazza.

Interrogato dalla polizia, il trombettista dichiarò di non sapere dove fosse Ylenia ma disse di essere sicuro che la ragazza stesse bene.

Nelle settimane successive Masakela fece perdere le proprie tracce. Secondo la trasmissione Chi l’ha visto?, l’uomo è oggi facilmente rintracciabile, sebbene abbia cambiato nome e usi dal 2009 documenti falsi.

Ylenia Carrisi: la scomparsa

Sulla scomparsa di Ylenia Carrisi circolano diverse ipotesi.

Albert Cordova, guardiano notturno dell’Audubon Aquarium of the Americas, riferì di aver visto nella tarda serata del 6 gennaio 1994 una ragazza bionda gettarsi nel fiume Missisipi.

Cordova, morto nel 2006, disse che quella ragazza era proprio la Carrisi e aggiunse che prima di gettarsi nel fiume la giovane avrebbe detto “io appartengo alle acque”, frase che secondo Al Bano la figlia era solita pronunciare fin da piccola prima di tuffarsi in mare.

Nessuno dei corpi ritrovati nel Mississippi nei mesi seguenti fu identificato come quello di Ylenia, ma Al Bano crede alla testimonianza del guardiano.

Nel 2013 il padre della ragazza ha presentato al tribunale di Brindisi una richiesta di dichiarazione di morte presunta. L’istanza è stata accolta il primo dicembre 2014.

Questa scelta è stata fortemente osteggiata dalla madre di Ylenia: Romina Power è convinta che la figlia sia ancora viva e ritiene, in particolare, che Masakela l’abbia introdotta in una sorta di tratta delle bianche, drogandola e segregandola da qualche parte.

Nel 1996, il serial killer Keith Hunter Jesperson, meglio conosciuto come Happy Face Killer, affermò che la Carrisi fu una delle sue vittime, specificando che l’avrebbe aggredita durante un passaggio in autostop.

I test del Dna eseguiti sul cadavere indicato dall’omicida diedero risultato negativo, mentre non furono mai effettuati accertamenti sui corpi delle altre vittime dell’uomo.

Nel 2011 il settimanale tedesco Freizeit Revue ha pubblicato un’intervista al capo della polizia di New Orleans, secondo cui Ylenia Carrisi sarebbe viva e si troverebbe a Sant’Anthony, un convento greco-ortodosso di Phoenix, in Arizona.

Ylenia Carrisi: l’ultimo video

Il 15 novembre 2017, la trasmissione di Bruno Vespa Porta a Porta ospitò in studio Al Bano Carrisi. Durante la puntata venne trasmesso un video in cui Ylenia Carrisi cantava una canzone assieme a sua madre, Romina Power, nel programma televisivo “Festa della mamma”.

Ecco il video:

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus